Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 25/01/2017
Leisure

La gerarchia delle regole
A qualche mese dalla sua pubblicazione Pino Rozzi di Greyunited, spiega tutto il valore del libro "Rocket" di Michael J. Silverstein sulla comunicazione al consumatore

La rivoluzione tecnologica, e con essa quella degli stili di consumo, impatta sulla comunicazione e la vendita di beni e servizi. Il libro Rocket di Michael J. Silverstein, edito da Egea nel 2016, a distanza di un anno dalla sua pubblicazione continua a fornire interessanti spunti di riflessione.
Nel libro, ricordiamo per chi se lo fosse perso, l'autore tratteggia le nuove 8 regole d'oro per sfondare ugualmente con il proprio prodotto nell'affollata arena dei consumi e della reputazione. Le regole suggerite:
- Rivedete radicalmente la vostra comprensione dei consumatori, identificando gli alfieri del vostro brand;
- Concentrate le risorse su questi consumatori-alfieri;
- Ascoltare con attenzione i consumatori e rispondere prontamente alle loro obiezioni;
. Assicurare un visual merchandising e un'esecuzione a punto vendita affascinante e impeccabile;
- Fare dell'eccellente formazione alla propria forza vendita;
-Regalare un'esperienza indimenticabile ai vostri consumatori 24 ore su 24;
- Innovare a ciclo continuo;
- Monitorate le performance del vostro brand e identificate le principali minacce che incombono.

Delle regole suggerite, e quindi del libro, ne parliamo con Pino Rozzi, President & Ceo Greyunited, dal cui particolare angolo di osservazione delle dinamiche di comunicazione al servizio dell'impresa offre un'interessante riflessione sul trend che stiamo vivendo.

Di queste regole, sulla base della tua esperienza, quali sono le più importanti e perché?

Nessun dubbio. Ascoltare diventerà il verbo più importante per comprendere il nuovo consumatore. Ma dobbiamo fare attenzione a non essere precipitosi nel rispondere. E' vero che oggi un post, un tweet, sono diventati armi di distruzione di massa. Ma è altrettanto vero che talvolta la soluzione è peggio del problema. Dobbiamo riflettere e usare correttamente gli strumenti (i dati e le ricerche in primis) per comprendere davvero questo consumatore cinico, infedele, volubile, suscettibile, imprevedibile più che mai. Una sfida che si vince mettendosi in modalità di ascolto. Per poter rispondere alle più semplici domande: cosa vuoi? Quando lo vuoi? E, soprattutto, perché lo vuoi?

La comunicazione online e la sua credibilità sono sotto attacco. Come viene vissuta questa situazione da chi opera a fianco delle imprese nella creazione di comunicazioni che sappiano far breccia nel consumatore sempre più cittadino del mondo digitale?

La parola dell'anno è stata post-verità. In altre parole, oggi tutto è confutabile. La quasi infinita quantità di informazioni permette di avvalorare qualsiasi tesi. Scolpito nel web sa tanto di ossimoro. Va tenuto quindi un atteggiamento più laico in cui per mantenere o riprendere la fiducia sono necessari diversi accorgimenti. Uno su tutti: ammettere di aver sbagliato.

Quali scenari avete tratteggiato per la comunicazione e il rapporto con il consumatore nei prossimi 5-10 anni?

Non credo sia possibile spaziare così avanti nel tempo (10 anni). E' ragionevole ipotizzare scenari a 3/5 anni. Il mondo della comunicazione così com'è è destinato a sprofondare, neanche tanto lentamente. I grandi gruppi diventeranno ancora più grandi attraverso mega fusioni, l'accordo da 80 miliardi tra AT&T e Time Warner è solo l'inizio. Per contrappeso si creeranno molte micro strutture iperspecializzate. La connessione sarà pressoché istantanea, tanto per le persone quanto per l'internet of (every) thing. La disconnessione digitale diventerà non una moda ma un'esigenza. I brand diventeranno sempre più editori per la crescita esponenziale degli owned media. Ho qualche riserva sulla diffusione di massa della VR.

L'unica previsione che posso fare - ben oltre i dieci anni - è che niente potrà mai sovrastare il vecchio storytelling.

Titolo: Rocket
Aurore: Michael J. Silverstein
Editore: Egea



@federicounnia - Consulente in comunicazione

 



Leisure


Condividi su LinkedIn numero di 25/01/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI