Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 25/01/2017
Finanza e investimenti

Mercati in attesa che arrivi l'anno del gallo
Petersen (Allianz GI): i fondamentali torneranno ad assumere un ruolo importante alla luce di geopolitica, congiuntura globale e politica monetaria

Per il calendario cinese l'anno della scimmia si avvicina alla conclusione. Era atteso un anno pieno di cambiamenti ed eventi in grado di influenzare il futuro e le previsioni si sono avverate in pieno. Avvenimenti politici inattesi - voto sulla Brexit ed esito delle presidenziali USA - hanno impattato i mercati finanziari, ma nessuno di tali eventi epocali è riuscito ad alimentare forti e durature fasi di elevata volatilità. I fondamentali torneranno ad assumere un ruolo importante alla luce di geopolitica, congiuntura globale, e politica monetaria?
Sembra inevitabile che la politica resti al centro dell'attenzione anche nel nuovo anno. Negli USA il presidente eletto Donald J. Trump si insedierà ufficialmente alla Casa Bianca il 20 gennaio 2017 e non sappiamo ancora quali promesse elettorali riuscirà a mantenere. In Europa gli elettori di Paesi Bassi, Francia, Germania - e forse Italia - saranno chiamati alle urne e in primavera si apriranno i negoziati sulla Brexit. Nell'anno delle elezioni il timore di un'ascesa dei partiti populisti spingerà probabilmente i politici a puntare sul sostegno dell'elettorato a scapito delle riforme strutturali.
L'economia mondiale si è dimostrata piuttosto resiliente (capacità di un sistema di assorbire le difficoltà, riorganizzarsi, e continuare a produrre risultati) nel quadro dei recenti sviluppi inaspettati. In quasi tutte le principali aree è in atto una ripresa o quantomeno un consolidamento congiunturale. Tale tendenza, unita alla stabilizzazione dei prezzi delle materie prime, lascia presagire nei mesi a venire una prolungata accelerazione dell'inflazione. Si prospetta quindi uno scenario ancora reflazionistico (normalizzazione dei tassi di interesse) invece che deflazionistico.
Diversamente da quanto accade negli USA, nell'Area Euro e in Giappone per il momento l'inflazione dovrebbe rimanere uno degli obiettivi delle Banche Centrali e la divergenza tra le politiche monetarie nei vari continenti si confermerà un tema di investimento importante. In termini generali la politica monetaria, a livello mondiale, resterà accomodante ma, data la graduale normalizzazione dei tassi di inflazione, è atteso un picco della liquidità delle Banche Centrali nel prossimo futuro, con ogni probabilità a inizio 2018.
In tale contesto, che cosa dobbiamo aspettarci sui mercati?
a) La tendenza reflazionistica dominante sosterrà i mercati azionari. Tuttavia nel 2017, il cosiddetto "anno delle elezioni", potrebbero verificarsi sorprese e volatilità elevata sui mercati finanziari (anche se gli investitori sembrano ormai abituati agli imprevisti).
b) Le crescenti attese inflazionistiche e la convinzione che le Banche Centrali non vareranno altre misure espansive dovrebbero continuare a spingere al rialzo i rendimenti obbligazionari, soprattutto negli USA. Per il momento il Dollaro si manterrà forte data la divergenza delle politiche monetarie.

c) In un contesto di scarsa crescita tendenziale l'alpha continuerà a rivestire un ruolo importante.

Una cosa è certa: anche il 2017 sarà tutt'altro che tranquillo. Per fortuna, il 28 gennaio secondo il calendario cinese si aprirà l'anno del gallo e i nati sotto tale segno avranno un carattere forte e saranno in grado di mantenere la calma anche in caso di imprevisti.

Ann-Katrin Petersen, Vice President Global Capital Markets & Thematic Research di Allianz Global Investors



Finanza e investimenti


Condividi su LinkedIn numero di 25/01/2017
Torna al SOMMARIO






SEGUICI