Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 18/01/2017
Leisure

Spaghetti alla Bolognese: l'altra faccia del tipico
Un libro di Pietro Valdiserra è dedicato a un piatto diffuso in tutto il mondo, che l'autore ha elevato a vero e proprio brand per l'export del Made in Italy, e di Bologna in particolare

Non è facile scrivere un libro basato su un solo primo piatto e farne sia una case history, sia un veicolo di marketing internazionale per l'export della enogastronomia italiana. Pietro Valdiserra c'è riuscito e con successo. Ha infatti raccolto il copioso materiale pubblicato e diffuso negli ultimi anni sul controverso argomento - a carattere gastronomico, ma non solo - legato a uno dei piatti più diffusi e apprezzati nel mondo, in un libro intitolato: "Spaghetti alla Bolognese: l'altra faccia del tipico".
Valdiserra, bolognese, recentemente scomparso, vantava una importante esperienza professionale nel settore del marketing, nel quale ha operato per aziende del largo consumo, dei beni industriali e dei servizi. Dal 1998 è Direttore Marketing e Relazioni Esterne della Rinaldi Holding, uno dei maggiori gruppi italiani operanti nel beverage alcolico. Nel suo trentennale percorso professionale, Valdiserra ha acquisito competenze anche come ricercatore economico, consulente di direzione, formatore e responsabile di uffici stampa. Tanta fu la passione che mise nel suo libro e nelle sue ricerche che fu premiato con una pubblicazione su Le Monde e sul Guardian che portarono l'uomo a farsi conoscere in tutto il mondo. Tanta fu la passione che mise nel suo libro e nelle sue ricerche che fu premiato con una pubblicazione su Le Monde e sul Guardian che portarono l'uomo a farsi conoscere in tutto il mondo
Il testo prende avvio dalla constatazione dell'esistenza di moltissimi luoghi comuni sugli Spaghetti alla Bolognese, il primo piatto che porta nel nome, in tutto il mondo, la città felsinea.
Dopo un'argomentata ricostruzione storica, che documenta come gli Spaghetti al ragù siano largamente attestati a Bologna fin dal XVI secolo, il volume ripercorre le tappe che hanno segnato la rinascita dell'interesse circa la discussa ricetta. Negli anni più vicini a noi, un piccolo gruppo di amici ha addirittura inteso studiare e valorizzare le prospettive di intervento "sul campo" a favore della famigerata pasta secca che reca Bologna nel nome. Tale gruppo, formato da professionisti della gastronomia, della comunicazione e del giornalismo, animato da uno spirito tra il professionale e il goliardico, si è dato anche un nome fortemente evocativo: la Balla degli Spaghetti alla Bolognese. Nei suoi primi anni di attività, uno dei meriti maggiori della Balla degli Spaghetti alla Bolognese è stato quello di adoperarsi per contrastare i luoghi comuni che affliggono il piatto in questione. Tali luoghi comuni, su cui il libro si sofferma in dettaglio per confutarli, sono:
1) Gli Spaghetti alla Bolognese non esistono.
2) Gli Spaghetti alla Bolognese sono cattivi.
3) Gli Spaghetti alla Bolognese sono quelli al tonno.
4) Gli Spaghetti alla Bolognese risalgono alla Seconda Guerra Mondiale.

La critica serrata e ben documentata alle leggende metropolitane di cui sopra prelude alla parte positiva, costruttiva del testo, che può riassumersi nelle due tesi seguenti:
A) Gli Spaghetti alla Bolognese rappresentano a tutti gli effetti un prodotto tipico della tavola bolognese, anche se di natura decisamente particolare: più in specifico, rappresentano l'altra faccia del tipico;
B) Gli Spaghetti alla Bolognese costituiscono un formidabile vettore di promozione della città di Bologna e del suo territorio.

La seconda parte del libro argomenta le tesi A) e B) con ricchezza di esempi, richiami, aneddoti e riferimenti, arrivando a concludere che gli Spaghetti alla Bolognese possono diventare il punto di partenza per una rinnovata opera di valorizzazione, anche e soprattutto internazionale, dei tesori tradizionali della tavola petroniana. In un'ottica di forte, autentico, modernissimo marketing territoriale. Due appendici, dedicate rispettivamente alle poesie sugli Spaghetti alla Bolognese e alla ricetta del Ragù Classico Bolognese, concludono la trattazione. Un ricco apparato di note consente infine di rintracciare, in dettaglio, i tanti rimandi disseminati nei dieci capitoli del volume.

Titolo: Spaghetti alla Bolognese: l'altra faccia del tipico
Autore: Piero Valdiserra
Edizioni Edi House
Pagine: 80
 



Leisure


Condividi su LinkedIn numero di 18/01/2017
Torna al SOMMARIO








SEGUICI