Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 26/10/2016
Fare Business

Sei consigli per affrontare un colloquio di lavoro via Skype
Scarcella (Hays Response): piccoli ma essenziali suggerimenti per giocarsi al meglio le proprie carte durante una videointervista. Dagli aspetti tecnici all'abbigliamento, fino alla scelta della location. Cosa fare e cosa non fare mai

Da qualche tempo nel mondo del recruiting sono sempre più diffuse le videointerviste. Un modo di approcciare il colloquio di lavoro molto diverso da quello tradizionale, che spesso mette in difficoltà il candidato, generando ansie e la consapevolezza di giocarsi il futuro lavorativo su un terreno che non conosce. Per questo, gli esperti Hays Response, hanno stilato una sorta di vademecum per affrontare il temuto colloquio via Skype, con consigli pratici e indicazioni per migliorare le possibilità di successo.
"Il colloquio via Skype, soprattutto nella fase iniziale dedicata ad una prima conoscenza con il candidato, è sempre più diffuso e sta assumendo un ruolo determinante nel processo di selezione del personale", afferma Fabio Scarcella, Manager di Hays Response. "La videointervista è, infatti, il modo più rapido, efficace ed economico per arrivare alla short list dei candidati e poi procedere con gli incontri face-to-face. Per il candidato, invece, la video intervista è più semplice e più facile di un colloquio di persona perché si svolge in un ambiente familiare. Tuttavia, non va affrontata in maniera superficiale, perché da quei venti minuti di videochiamata può dipendere il futuro lavorativo. Bisogna prepararsi per giocarsi al meglio le proprie carte".
Ecco, dunque, 6 semplici accorgimenti da tenere a mente prima, dopo e durante un colloquio di lavoro via Skype.

1. Scegli un nome utente professionale

Attenzione al nome account. Per risultare professionali e seri, scegliete un nome Skype appropriato. L'ideale sarebbe utilizzare il proprio nome e cognome, ma se dovessero esserci già altri omonimi prova a mettere un punto, l'iniziale del nome o, come ultima scelta, l'anno di nascita. Attenzione anche alla foto profilo: assolutamente vietate le immagini di un personaggio dei cartoni animati o del cinema perché indice di scarsa personalità, ancora peggio lasciare l'immagine di default.

2. Verifica la connessione Internet

Prima di iniziare la conversazione, è fondamentale verificare che la connessione Internet sia stabile e veloce e che la webcam funzioni. Controlla anche l'audio del computer e utilizza un paio di cuffie, per evitare domande spiacevoli del tipo: "Mi vede bene? Mi sente?". Inoltre, assicurati di essere in grado di ricevere o inviare un file, come il curriculum o la lettera motivazionale. Qualora dovessero verificarsi problemi tecnici, mantieni la calma: maledire la tecnologia mentre il vostro futuro datore di lavoro è in ascolto non è certo indice di calma e professionalità.

3. Presta attenzione alla location

Silenzioso, ordinato, luminoso: così deve essere il posto in cui fare la videointervista. Assicurati, dunque, di non poter essere disturbato: avvisa familiari e coinquilini, stacca telefono fisso e silenzia il cellulare per evitare qualunque distrazione. Attenzione anche allo sfondo che dev'essere il più possibile neutro e professionale. Non lasciar intravedere, ad esempio, angoli disordinati o piatti sporchi. Più che un muro bianco, è meglio avere alle spalle una libreria o una bella stampa. Cura anche l'inquadratura: viso esposto alla luce, occhi all'altezza della webcam, schiena dritta.

4. Cura l'abbigliamento

In un videocolloquio, la cosiddetta "bella presenza" è ancora più importante che dal vivo. Non essendoci interazione diretta, le impressioni saranno influenzate, oltre che dalle parole, dall'immagine. Vesti in modo appropriato, come se dovessi recarti davvero a fare l'intervista di persona, scegliendo l'abbigliamento a seconda del tipo di azienda e del tipo di ruolo ambito. Meglio evitare colori troppo forti o righe sottili, perché appariranno sfocate in video, e assicurati che il tuo outfit non faccia a pugni né sbiadisca con lo sfondo. È fondamentale non vestirsi a metà: mettersi in giacca e cravatta e pantaloncini è pericoloso. Soprattutto nel caso dovessimo essere costretti ad alzarci per prendere qualcosa che non è a portata di mano.


5. Mantieni il contatto visivo

Essere puntuali, mostrarsi sicuri, essere informati sull'azienda e sul ruolo: sono queste le regole d'oro di ogni colloquio, in presenza o a distanza. In quest'ultimo caso, però, vale la pena adottare qualche ulteriore accorgimento. Il primo è mantenere il più possibile il contatto visivo con il selezionatore. Guarda dritto in camera, non gesticolare troppo e nascondi la finestra che mostra il tuo volto per evitare di controllarti ogni secondo.

6. Concludi il colloquio nel modo giusto

Al termine dell'intervista, chiedi con discrezione un feedback sulle tempistiche dell'azienda per valutare il colloquio e quali saranno gli step successivi. Ringrazia il recruiter per il tempo che ti è stato dedicato e saluta. Ma attenzione: non dire niente che non c'entri con l'intervista finché non hai chiuso la chiamata. Spegnere la webcam e chiudere il telefono sono due cose diverse su Skype, quindi sii prudente!



Fare Business


numero di 26/10/2016
Torna al SOMMARIO






SEGUICI