Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 15/06/2016
Sport Business

Le squadre di calcio inglesi rompono la barriera dei 4 miliardi di entrate
La Premier è il torneo più ricco d'Europa. Un report Deloitte evidenzia come per il campionato 2014-15 le squadre britanniche abbiano beneficiato di grandi entrate da diritti televisivi. Che saranno ancora maggiori col nuovo contratto dal 2016-17

Le 92 squadre di calcio professionistiche nella Premier League inglese e nella Football League hanno superato una barriera che fino a qualche anno fa sembrava invalicabile. Secondo un report di Deloitte, nel campionato 2014-15, sono state in grado per la prima volta di generare più di 4 miliardi di sterline (5,2 miliardi di euro) di entrate.
Il 25mo Annual Review of Football Finance stilato dal Business Group Sport di Deloitte ha rilevato che le squadre della Premier League hanno raccolto un record di 3,3 miliardi di sterline, in parte grazie alle entrate generate attraverso per i diritti televisivi. La stagione 2014-15 ha rappresentato la seconda del periodo triennale sui diritti TV. L'anno scorso, la Premier League aveva firmato un nuovo accordo di diritti broadcasting nazionale di tre anni con le emittenti a pagamento Sky e BT Sport, a partire dalla stagione 2016-17 al 2018-19, del valore di 5,136 miliardi di sterline.
I ricavi club di Premier League per 2014-15 sono stati oltre 2 miliardi di sterline superiori all'importo generato dal secondo più ricco campionato in Europa, la Bundesliga tedesca. I ricavi combinati dai big five, i primi 5 campionati in Europa è stato pari a 11,2 miliardi di sterline, in aumento dai 9,2 miliardi nel 2013-14.
Il contratto dei diritti della Premier League ha anche contribuito ad aumentare i profitti prima delle tasse dei club, arrivati a 121 milioni di sterline, un nuovo record per il secondo anno consecutivo, mentre i profitti operativi sono pari a 546 milioni, il secondo più alto risultato nella storia della lega. Delle 20 squadre della Premier League, 17 hanno fatto registrare un utile operativo, con il 14 che hanno riscontrato un utile prima delle imposte.
Deloitte ha anche rilevato un aumento del 7% dei salari in Premier League, che hanno superato 2 miliardi di sterline per la prima volta. La spesa lorda combinata dei club per acquisire nuovi giocatori si è attestata a un record di 1,1 miliardi di sterline.
Secondo Dan Jones, partner del Business Group Sport di Deloitte, "il ritmo di crescita finanziaria del calcio in due decenni e mezzo è sconcertante. Nella seconda metà del campionato televisivo di Premier League il prossimo anno, saranno state generate più entrate da broadcasting che durante l'intera stagione di Prima Divisione 25 anni fa. É particolarmente rassicurante vedere che i club stanno cercando di investire nel miglioramento di stadi e infrastrutture.
"L'impatto dell'accordo di broadcasting della Premier League è facile da vedere. Per la prima volta, la Premier League porta il mondo del calcio in tutte e tre le categorie principali di entrate - commercial, giorno della partita e broadcast - e questo porta a una redditività sostenibile. Quando i nuovi contratti per i diritti TV inizieranno nella stagione 2016-17, i profitti operativi potrebbero salire di più di 1 miliardo di sterline".
Al di fuori della Premier League, i club del campionato di secondo livello hanno generato un fatturato di 548 milioni di sterline, in crescita del 12% sul 2013-14, e hanno superato per la prima volta la barriera dei 500 mln.
Anche in questo caso i costi salariali sono saliti del 4% a 541 mln, che, nonostante un calo nel rapporto salari-fatturato dal 106% nel 2013-14 al 99%, significa che i club hanno speso quasi in stipendi quanto generato come reddito. Deloitte ha rilevato che questo rappresenta un "livello insostenibile della spesa senza il supporto di finanziamento della proprietà", che ha portato a perdite operative di 225 mln e una perdita pre-imposte combinata di 191 mln.

Adam Bull, consulente senior della Business Sports Group di Deloitte, ha concluso: "la promozione in massima serie ora vale almeno 170 milioni di sterline per quei club di Championship che non beneficiano di un pagamento paracadute. Non è una sorpresa quindi che i club stiano facendo tutto il possibile per mettere i migliori talenti in campo nella speranza di raggiungere la terra promessa della Premier League. Allo stesso tempo, poichè nessun club di Championship ha riportato un utile operativo nel 2014-15, essi hanno bisogno di essere consapevoli del fatto che i profitti dalle vendite dei giocatori o i finanziamenti della proprietà rischiano di essere necessari, se non guadagnano la promozione".

 



Sport Business

numero di 15/06/2016
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>