Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 08/06/2016
Fare Business

Noleggio furgoni e veicoli commerciali: un'opportunita' per le flotte aziendali
Continuano a crescere le richieste per furgoni, autocarri, minibus, veicoli commerciali ed industriali

Nonostante la crisi il settore automotive tiene. Questo è ciò che emerge dall'importante Rapporto 2005-2014 sull'industria Autoveicolistica in Italia realizzata dall'Anfia (Associazione Nazionale Fra Industrie Automobilistiche) che offre una panoramica sull?andamento internazionale e un focus sul nostro Paese.
Dalla ricerca si apprende che l'Italia si inserisce in un contesto europeo dal segno positivo. I dati storici mostrano che nel 2014 sono stati venduti veicoli per un totale di 18,48 milioni, tra autovetture (16,06 milioni) e veicoli industriali leggeri e pesanti (2,42 milioni).
Grosse soddisfazioni anche in ambito rental, con veicoli commerciali e furgoni a noleggio sempre più richiesti da aziende piccole, medie e grandi per dotarsi di una flotta mezzi flessibile e dai costi ridotti.

Aziende: i vantaggi del noleggio

Le imprese attive nei settori più disparati hanno a loro disposizione siti specializzati in noleggio furgoni tra cui scegliere la tipologia di veicoli di serie da affittare, confrontando schede dettagliate dei modelli, contenenti informazioni su: numero di posti, dati relativi al volume come la portata in kg e metri cubi, dimensioni esterne e misure interne. I veicoli sono molto spaziosi e rispondono alle esigenze di professionisti e aziende. Grazie a portali come Rent Max le imprese possono dotarsi di una flotta aziendale senza pensieri (cioè senza costi fissi di gestione) e far viaggiare i propri mezzi in sicurezza, con l'assistenza 24h su 24h in caso di problemi.

Il trasporto merci fa da traino

L?aumento della domanda di veicoli commerciali dipende in larga misura dall?aumento del 2,1% del traffico su strada per il trasporto merci. Il segno positivo della percentuale è merito anche della ripresa dei consumi che si traduce in una maggiore necessità di mezzi per il trasporto di beni, l'approvvigionamento delle materie prime e la consegna dei prodotti finiti. Questo business produce un fatturato in crescita pari al +4% per gli autotrasportatori (nazionali e internazionali), per i corrieri di +1,3% e per i vettori espressi di +3,5%.

Numeri positivi per i VCL

Il crescente sviluppo delle attività terziarie, l'aumentata richiesta di capillarità delle reti di distribuzione dei beni di largo consumo e la chiusura delle aree urbane ai mezzi pesanti sono i fattori che hanno influito maggiormente sulla diffusione dei veicoli commerciali.
In particolar modo aumentano i mezzi con PTT <3,5 t, ossia veicoli con peso totale a terra inferiore alle tre tonnellate e mezzo. La diffusione dei veicoli commerciali leggeri ha permesso al mercato VCL di totalizzare nel 2015 più di 80.500 nuove immatricolazioni (+9%).


Autobus e minibus

Forte crescita anche per i veicoli a 7, 9 o 12 posti e furgoni per il trasporto personeNei primi 8 mesi 2015 gli autobus in circolazione sono aumentati del 15% rispetto allo stesso periodo del 2014, grazie in particolare all'incremento del segmento dei minibus. Questi ultimi sono sempre più usati da hotel, catene alberghiere, resort, centri congressi, outlet e centri commerciali, ossia attività commerciali site in aree dislocate fuori dal contesto urbano cittadino e quindi meno servite dalla pubblica mobilità.

Per questo, al fine di offrire ai clienti la massima libertà e comodità negli spostamenti, albergatori e aziende ricettive si dotano di minibus e pulmini adibiti a navette.
Solitamente questi mezzi vengono presi a noleggio da operatori specializzati, in modo tale da avere i veicoli a disposizione quando serve (in base anche a stagionalità, calendario fieristico e picchi di afflussi turistici), senza grossi investimenti per l'acquisto e costi di gestione.

Da auto a furgoni

Moltissime le richieste di noleggio anche per i modelli derivati, ossia vetture con la parte posteriore modificata nella carrozzeria in modo tale da consentire un vano di carico più ampio. Questi veicoli mostrano un'elevata flessibilità potendo ospitare, nelle versioni a doppia cabina, fino a cinque persone oltre al conducente. Per le imprese sono estremamente convenienti perché svolgono contemporaneamente la funzione di trasporto merci e persone. Questo li rende veicoli ideali per le ditte artigiane che possono raggiungere il luogo di lavoro senza dover usare molti mezzi.

Infine, costano poco più del modello di autovettura corrispondente e garantiscono vantaggi fiscali come la completa detraibilità dell'Iva e delle spese.

Impresa edile? Pick-up

Per esigenze di carico superiori la categoria maggiormente indicata è quella dei pick-up, ossia furgoni per l'edilizia, usati prevalentemente nel settore cantieristico. Il cassone posteriore aperto agevola il trasporto di carichi ingombranti e del materiale di risulta delle costruzioni.
Nell'eventualità in cui si debba operare in cantieri particolarmente difficili si può optare per veicoli a trazione integrale.

Pubblicità su ruote

Da non sottovalutare, infine, il ritorno pubblicitario in termini di promozione aziendale dei furgoni brandizzati con il nome e il logo della ditta posto sulle fiancate e sulla cabina. Questa pubblicità a costo zero permette di farsi conoscere dai potenziali clienti, mentre si circola su strada o quando i veicoli sono parcheggiati. La risonanza è tanto maggiore quanto più i mezzi sono eleganti, di design o verniciati con toni accesi.

 



Fare Business

numero di 08/06/2016
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>