Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 23/12/2015
Fare Business

Osservatorio OICE: congressi ed eventi sono un settore in buona salute
Mastrapasqua (CWT): uno stimolo per la meeting industry. Un comparto che ancora stenta a essere consapevole di rappresentare una realtà econimica di primo piano, e a trovare pieno riconoscimento da parte delle istituzioni e dei grandi media

Oltre 25 milioni. Tanti sono stati in Italia nel 2014 (l'anno prima del'EXPO) i partecipanti a congressi ed eventi. In termini numerici, quasi la metà di tutti i cittadini italiani. É il dato più eclatante che emerge dall'Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi (OICE). La rilevazione - condotta su un totale di 5.786 sedi contattate - ha consentito di effettuare una stima del mercato rispetto sia alle aree geografiche sia alle diverse tipologie di sedi.
Ne consegue che in Italia sono stati complessivamente realizzati 308.912 eventi (con un minimo di 10 partecipanti ciascuno), per un totale di 25.534.011 partecipanti e di 38.237.617 presenze. La durata media è risultata pari a 1,5 giorni, senza differenze significative per area geografica, e il numero medio di partecipanti è pari a 83 persone per evento.
Dall'analisi emerge che il 60% degli eventi (e il 56% dei partecipanti complessivi) ha avuto un ambito di riferimento locale, il 31% (e il 33% dei partecipanti) un orizzonte nazionale e il 9% degli eventi (e il 11% dei partecipanti) è risultato classificabile come internazionale. Inoltre, gli eventi promossi da associazioni, aziende e istituzioni hanno rappresentato nel loro insieme il 77,3% degli eventi totali, mentre è apparso residuale il numero di mostre ed esposizioni escluse le fiere (il 3,6%) e di altri eventi (19,1%).

Il Nord guida le classifiche

Dei 308.912 eventi rilevati in Italia il 57,5% si è svolto al Nord, il 26,1% al Centro e il 16,4% nel Sud e nelle Isole. Con riferimento ai 25.534.011 partecipanti, la percentuale maggiore è stata registrata al Nord (il 61,7%), seguito dal Centro (27,1%), mentre il Sud e le Isole hanno ospitato l'11,2% dei partecipanti totali. Il Nord si contraddistingue anche per un numero di partecipanti per evento (pari a 89) superiore alla media nazionale.
"Si tratta di un'importante fotografia del mercato, che mancava ormai da troppi anni", ha dichiarato Armando Mastrapasqua, Senior Director CWT Meetings & Events Italia. "Siamo lieti di averla sostenuta e accogliamo con favore la ricerca OICE, un lavoro di grande qualità promosso da FederCongressi&eventi e realizzato da ASERI-Alta Scuola in Economia e Relazioni Internazionali dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, che riteniamo offra importanti spunti di miglioramento per tutti i player del settore".
I dati relativi alla meeting industry evidenziati, come il grande numero di eventi e di presenze generate sul territorio, mettono in luce una realtà economica di primo piano nel panorama nazionale, "ma che ancora stenta in primis a esserne consapevole e poi a trovare pieno riconoscimento da parte delle istituzioni e dei grandi media", ha aggiunto Mastrapasqua.
L'Osservatorio ha messo poi in luce evidenti disparità tra le aree geografiche del nostro Paese. "Questo deve spronare tutti gli operatori del settore a impegnarsi maggiormente per valorizzare le tante location e destinazioni per eventi presenti in quell'area del Paese e per coinvolgere le realtà aziendali e istituzionali locali affinché promuovano con più decisione la realizzazione di meeting, congressi ed eventi in genere", ha fatto notare ancora Mastrapasqua.

Un altro dato che fa riflettere è la quota minoritaria di eventi contrattualizzati da un'agenzia, il 26% del totale: "la possiamo leggere come una buona notizia per le agenzie e uno stimolo ad allargare il mercato degli eventi intermediati, che presenta senz'altro un margine di potenziale crescita", ha concluso Mastrapasqua. "Compito delle agenzie è dimostrare, dunque, il valore aggiunto di una consulenza specializzata, offrendo elevata professionalità e strumenti avanzati che permettono di ottenere risultati migliori, efficienze operative e saving economici".

 



Fare Business

numero di 23/12/2015
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>