Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 30/09/2015
Fare Business

Il futuro dell'analisi dei dati della supply chain e' visiva, multi-fonte e predittiva
Telford (Qlik): è essenziale che le imprese possano aver accesso all'intero storico dei dati, indipendentemente da dove si trovino, con visualizzazioni intuitive, che consentano di esplorare i dati nascost per poter poi prendere le decisioni

Secondo lo studio "Sfruttare al massimo i dati della supply chain per ottenerne un vantaggio competitivo", spesso le analisi dei dati non vengono sfruttate al massimo, anche se la consapevolezza delle potenzialità delle analitiche avanzate in questo ambito è ormai diffusa ovunque. La ricerca a livello globale è stata condotta da Qlik e la testata Supply Chain Digest.
"Nonostante si trovino ancora all'inizio di questo percorso, le aziende sono già fermamente convinte delle potenzialità che si possono ottenere migliorando la gestione e l'analisi dei dati", ha affermato Dan Gilmore, Presidente di SCDigest. "Non sorprende che il miglioramento del processo decisionale sia in cima alla lista, così come la possibilità di fare previsioni è la prima opportunità che secondo i rispondenti deriva dal miglioramento dell'analisi e della gestione dei dati".
Più del 40% degli intervistati dichiara di essere ancora molto impreparato per quanto riguarda l'analisi dei dati. Tuttavia, la maggioranza ha manifestato fiducia nei confronti delle analisi predittive e nell'importanza che queste hanno all'interno del processo decisionale. Inoltre, più dell'88% degli intervistati ha indicato le capacità di analisi avanzata come un'ottima o buona opportunità per la propria organizzazione. Inoltre, i rispondenti hanno ammesso che migliorare le capacità di analisi dei dati rappresenta una priorità per il futuro o addirittura un cambiamento già in atto.
Lo studio ha rivelato che, nonostante le aziende stiano comprendendo il valore e la priorità dell'adozione di strumenti avanzati di analitycs, sono davvero poche quelle che pensano di essere arrivate a buon punto. Nel valutare le proprie capacità, meno del 10% pensa di aver raggiunto un buon livello in termini di flessibilità e diffusione nell'utilizzo dei sistemi di analisi, visualizzazione dati e capacità di gestione dei rischi legati alla supply chain.
DynCorp International è un service provider a livello globale di soluzioni avanzate per aviazione, logistica, formazione, intelligence per clienti del settore commerciale, governativo e militare. "I nostri dipendenti non hanno bisogno di un nuovo strumento che dia un nuovo volto agli stessi dati di sempre ma necessitano di visualizzazioni intuitive che consentano ai dipendenti di esplorare i dati nascosti", ha affermato Bill Momsen, Senior Director of Supply Chain Operations at DynCorp International. "Qlik permette all'utente di andare alla ricerca di nuove intuizioni e questo ci consente di migliorare performance e efficacia della nostra supply chain".
"Dal momento che le organizzazioni cercano di adottare strumenti sempre più avanzati per le analitiche per la supply chain, è essenziale che gli utenti business possano visualizzare l'intero storico dei dati indipendentemente da dove si trovino per poter poi prendere le decisioni", ha dichiarato David Telford, Senior Director, Sector Group e Industry Partner Lead di Qlik. "Qlik aiuta migliaia di organizzazioni proponendo strumenti di analisi dei dati flessibili e utilizzabili in autonomia dai dispositivi mobili, che consentono agli utenti di visualizzare ed esplorare tutte le informazioni a disposizione".

Nella ricerca sono state coinvolte aziende provenienti da molti settori come quello automobilistico, industriale, trasporti, logistica, elettronica, beni di largo consumo etc.

 



Fare Business

numero di 30/09/2015
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>