Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 08/04/2015
Digital Business

L'ecosistema digitale dei Top Brand nel Luxury Shoes
Vincono la sfida Giuseppe Zanotti, Jimmy Choo e Roger Vivier. Utilizzo dei Social Network, appetibilità del Brand e funzionalità dei siti web sono i parametri utilizzati per stilare la classifica dei Brand più "digital" nel comparto del Luxury Shoes

Giuseppe Zanotti, Jimmi Choo, Roger Vivier, Sergio Rossi e Charlotte Olympia sono nella top 5 dei Brand più Digital nel mondo delle scarpe del lusso. Una classifica che mostra come i Brand più famosi nel comparto del Luxury Shoes utilizzino in maniera differente lo strumento digitale: chi è più attivo nell'attività Social (come Giuseppe Zanotti), chi è dotato di un sito web più completo in termini di funzionalità (come Jimmy Choo) e chi è più appetibile in termini di pubblicità online (come Nicholas Kirkwood).
I risultati emergono da uno studio realizzato dal Centro Studi di MM-One Group, agenzia specializzata nella realizzazione di modelli di e-business per le aziende, che ha selezionato 14 Brand nel settore del Luxury Shoes (Roger Vivier, Giuseppe Zanotti, Cesare Paciotti, Gianvito Rossi, Christian Louboutin, Stuart Weitzman, Brian Atwood, Jimmy Choo, Manolo Blahnik, Nicholas Kirkwood, Charlotte Olympia, Walter Steiger, Gianmarco Lorenzi e Sergio Rossi) prendendo in considerazione 30 indicatori digitali che riguardano l'attività Social, le funzionalità dei siti web e l'appetibilità digitale del Brand.

Il Brand più digital

A mostrare un ecosistema digitale più strutturato è Giuseppe Zanotti con un punteggio di 75,1, seguito da Jimmy Choo (75,0), Roger Vivier (71,1), Sergio Rossi (69,3) e Charlotte Olympia (63,4). Il motivo di tale posizionamento va ricercato nelle diverse aree di attività digitali realizzati dai singoli Brand. Analizziamole nel dettaglio.

Il Brand più social

Nelle attività Social il Brand più attivo è ancora una volta Giuseppe Zanotti, seguito da Jimmy Choo e Roger Vivier, i quali dimostrano usare con una certa frequenza un buon numero di Social Network, i cui post vengono condivisi maggiormente dai propri follower e che permettono l'accesso ad App specifiche. In particolare Giuseppe Zanotti gestisce ben 8 Social (tra Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Pinterest, Instagram, Weibo-Cina e Vkontakte-Russia), ma è Sergio Rossi ad avere un engagement superiore su Twitter (57,8%) e Gianvito Rossi per il più alto Active Fun Rate su Facebook (8,3%). Jimmy Choo invece è il Brand che pubblica più frequentemente post su Facebook e Sergio Rossi su Twitter.

Il Brand col sito web più completo

Tra tutti i Brand considerati Jimmy Choo e Giuseppe Zanotti sono quelli dotati di siti web con il maggior numero di funzionalità: informazioni sui punti vendita, catalogo prodotti, iscrizione alla newsletter, account riservato, piattaforma di eCommerce, codici sconto e siti accessibili da dispositivi mobile (siano essi responsive o mobile). Tutti i Brand sono dotati di piattaforma Ecommerce ad eccezione di Brian Atwood, Manolo Blahnike Walter Steiger.

Il Brand più appetibile

In termini di appetibilità digitale, il Brand più comprato dagli inserzionisti su Google (si tratta di parola chiave secca) e più costoso in termini di Pay Per Click nell'Advertising Online è Nicholas Kirkwood: non solo la parola chiave sul suo Brand è acquistato in media da 7,5 inserzionisti (nei paesi considerati), ma è anche il più costoso: un click costa in media 1,5$.

"Come agenzia che offre soluzioni e-business alle aziende" - ha affermato Mauro Cunial Presidente di MMONE Group - "abbiamo voluto indagare come un mercato di nicchia come quello del Luxury Shoes utilizzi gli strumenti digitali per fare Branding e quanto approfitti delle opportunità date dal web. Tramite le informazioni a disposizione (reperite da tool specifici e dai siti dei singoli Brand e Profili Social) con questa analisi si vuole scattare una fotografia su come i Brand utilizzo gli strumenti digitali per coinvolgere e fidelizzare gli utenti. É chiaro come il diverso utilizzo dello strumento digitale dipenda strettamente dalle scelte commerciali di ciascun Brand. Questa classifica si inserisce in un'analisi più ampia di come le aziende integrino le strategie online con quelle offline e di come esse trasmettano i propri valori aziendali tramite il web per valorizzare e referenziare il Brand nei confronti dell'utenza digitale."



Digital Business

numero di 08/04/2015
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>