Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 31/12/2014
Finanza e investimenti

Settore tecnologico: idee per l'anno che verra'
Bottillo (Natixis): Il comparto è certamente uno dei più promettenti in un'ottica di medio-lungo termine. L'iperconnettività, la sicurezza informatica, gli smartphone, l'e-wallet e i Big Data sono solo alcuni dei temi chiave

Il rapido susseguirsi di innovazione e obsolescenza nel settore tecnologico determina un continuo fiorire di opportunità di investimento in tutto il mondo. L'iperconnettività, la sicurezza informatica, gli smartphone, l'"e-wallet" e i Big Data sono alcuni dei temi chiave maggiormente seguiti da tre analisti del settore tecnologico di Natixis Global Asset Management. Qui gli esperti approfondiscono questi temi e discutono le loro prospettive per il 2015 nel settore tecnologico negli Stati Uniti, in Europa ed Asia.
"Il settore tecnologico è certamente uno dei più promettenti in un'ottica di medio-lungo termine", ha sottolineato Antonio Bottillo, Amministratore Delegato per l'Italia di Natixis Global Asset Management. "Anche in questo settore è necessaria, tuttavia, un'attenta selezione che sappia individuare non solo le specifiche opportunità di investimento dislocate in tutto il mondo, ma che sia in grado di riconoscere e prevedere i temi chiave che potranno svilupparsi e fiorire nel prossimo futuro. Ecco perché è indispensabile avere a disposizione degli esperti del settore che monitorino costantemente andamento e prospettive dei singoli segmenti e delle varie società attive".
Vediamo alcune "vision" sul settore, ricordando che quanto espresso in relazione ad aziende non deve essere visto come una raccomandazione ad acquistare o vendere un qualsiasi titolo.

Tony Ursillo, CFA, Equity Analyst, Portfolio Manager, Loomis, Sayles & Co.

In tema di tecnologia di largo consumo, ci concentriamo sull'implacabile passaggio all'utilizzo degli smartphone. Il lancio dell'iPhone da parte di Apple nel 2007 ha segnato l'inizio di un'era. Da allora, gli smartphone hanno raggiunto una base fissa di oltre due miliardi di utenti in tutto il mondo, con oltre un miliardo di nuovi smartphone venduti ogni anno. Dopo un primo focus sulle vendite di dispositivi mobili, riteniamo che l'opportunità più redditizia sia ora rappresentata dall'aumento delle funzionalità degli smartphone da parte di tale base già esistente di utenti. Ci concentriamo quindi su aziende che creano e offrono applicazioni o soluzioni di qualità elevata.
L'espansione dei social network I social network sono comunità online che offrono l'opportunità di sfruttare la forza del gruppo come risorsa per la condivisione e la scoperta di informazioni ed intrattenimento, o per compiere attività che potrebbero essere inefficaci o impossibili nel mondo fisico, come comunicare con un vasto gruppo di amici, essere costantemente aggiornati sulle notizie, individuare imprese da sponsorizzare o partecipare a giochi multi-player su larga scala. Riteniamo che Facebook e LinkedIn siano particolarmente ben posizionati in tal senso. (Quanto espresso in relazione a tali aziende non deve essere visto come una raccomandazione ad acquistare o vendere un qualsiasi titolo).
Sul versante delle imprese o aziende, notiamo due forti driver che stanno ampiamente superando la tendenziale crescita del 3% nella spesa per prodotti tecnologici (IT). La prima è il passaggio di risorse IT al "cloud". Il cloud può essere visto molto semplicemente come un centro di immagazzinamento dati su larga scala gestito da un fornitore di soluzioni IT che agisce come servicer, fornendo l'accesso a risorse che in passato sarebbero state implementate e gestite in loco da parte dell'impresa stessa.
La seconda forte tendenza imprenditoriale è legata alla crescente preoccupazione in tema di protezione dei dati aziendali. Le violazioni di dati su carte di credito presso rivenditori come Target, Home Depot e Neiman Marcus, nonché su siti online come eBay, hanno richiamato l'attenzione sulla vulnerabilità delle informazioni di pagamento e di altri dati personali di decine di milioni di consumatori statunitensi, nel mirino di hacker sempre più sofisticati. Ciò ha reso la violazione della sicurezza non solo un rischio di rete, ma anche un rischio aziendale. Tali attacchi, comunemente noti come Advanced Persistent Threats (APT), sono progettati per operare in modi complessi, in grado di ingannare le soluzioni di sicurezza tradizionali (perimetrali ed endpoint) o perfino di avere accesso a una rete aziendale, eseguire ed uscire totalmente inosservati.
Si è quindi aperta la strada per nuove tecnologie, maggiormente in grado di riconoscere potenziali minacce e perfino isolarle preventivamente per osservare come queste operano prima di penetrare in una rete aziendale interna. In questo settore, riteniamo che Palo Alto Networks si sia distinta come il provider tecnologico con il migliore e più ampio spettro di soluzioni. 

L'e-wallet è destinato a una lunga vita?

La quasi onnipresenza di smartphone fra gli utenti dei mercati maturi ha promosso l'idea secondo cui tale dispositivo possa in qualche modo essere utilizzato come un "portafoglio elettronico" (e-wallet), memorizzando tutte le informazioni su carte di credito e debito nel dispositivo stesso ed ovviando alla necessità di portare con sé le tradizionali carte di pagamento in plastica. Pertanto, non sorprende il fatto che molte imprese si stiano posizionando per guadagnarsi un posto nel settore dei pagamenti online e mobili. Colossi come Apple, Amazon, Google e PayPal vantano già un brand riconosciuto e possono contare su centinaia di milioni di account di clienti contenenti dati bancari o su carte di credito. Apple, ad esempio, intende consentire a chiunque abbia un account iTunes ed un iPhone o iPad di effettuare pagamenti in modo facile e sicuro sia per transazioni online che presso negozi veri e propri. Sebbene possano occorrere ancora diversi anni prima che i pagamenti attraverso dispositivi mobili siano utilizzati da un vasto numero di consumatori, ravvisiamo sicuramente la comodità e la sicurezza di tale soluzione. Riteniamo comunque che gran parte di tali operazioni continueranno a passare tramite l'attuale infrastruttura di rete, controllata in gran parte da Visa e MasterCard.

Le prospettive per il settore tecnologico nel 2015

La nostra prospettiva è abbastanza positiva per il settore dell'IT. Il settore è maturato notevolmente negli ultimi dieci anni. Tale maturazione, unitamente ad alcune forze secolari che stanno aumentando l'efficienza delle risorse IT (soluzioni di compressione dei dati immagazzinati, virtualizzazione dei server, applicazioni ed infrastrutture di cloud), ha determinato un aumento della spesa per IT dopo un un calo pari a due volte il Prodotto Interno Lordo (PIL) per riportarla in linea con il PIL.
A fronte di numerosi segnali di rallentamento della crescita globale rispetto al livello già contenuto della stessa, riteniamo che nel 2015 la spesa per IT crescerà probabilmente in linea col PIL globale. Ci troveremo pertanto in un contesto più difficile per i grandi e tradizionali fornitori di hardware, software e networking. Tuttavia, permangono diverse tendenze secolari che possono battere la maturità e il carattere ciclico del settore nel suo complesso. Alcune di queste sono state indicate sopra. Gran parte di tali opportunità secolari di investimento ricade nel segmento Internet e software.


Hervé Samour Cachian, Head of Value & Opportunities – European Equities Natixis Asset Management

Per quanto riguarda le tecnologie, la nostra attenzione è attualmente incentrata su tutto ciò che è connesso all'iperconnettività, ossia all'utilizzo di molteplici sistemi e dispositivi di comunicazione che ci permettono di restare costantemente connessi a reti e flussi informativi. Ciò comprende alcune tendenze come le applicazioni analitiche di Big Data, l'e-commerce e i pagamenti elettronici, i social media.
Esistono numerose applicazioni che potrebbero rivelarsi rivoluzionarie in futuro, tra cui la tecnologia automobilistica driverless, gli occhiali smart di Google ed i sistemi di pagamento a distanza. Lo sviluppo dell'economia digitale rappresenta, a nostro avviso, il tema principale nel settore tecnologico.
La digitalizzazione costituisce una enorme e sconfinata forza dirompente nella società. Le aziende che non riescono a modificare e ad adattare il proprio modello di business in tal senso potrebbero essere a rischio, mentre le aziende che si stanno preparando a questo nuovo paradigma possono sfruttare molteplici opportunità per cogliere i relativi frutti.
Vi sono diverse realtà tecnologiche europee connesse a soluzioni di pagamento digitale che appaiono ben valutate. Per esempio, la società parigina Ingenico, leader mondiale nell'offerta di soluzioni di pagamento per i canali mobile, online e in-store, vanta tre fattori chiave: crescita strutturale, conquista di quote di mercato e ascesa nella catena del valore. Riteniamo che la società possa beneficiare nel lungo termine dall'adozione di chip-card negli Stati Uniti e dallo sviluppo di pagamenti mobili. Un'altra area di crescente interesse collegata a tutto ciò è la sicurezza digitale. In questo settore, alcune realtà europee come Gemalto sono fornitori leader in tutto il mondo di soluzioni innovative di sicurezza digitale. .

Le prospettive per la tecnologia in Europa nel 2015

Nonostante il difficile scenario macroeconomico in Europa e in altre parti del mondo, le nostre prospettive per il settore tecnologico sono positive. La ricerca di imprese in crescita potrebbe indurre gli investitori ad aumentare la propria esposizione a titoli collegati alle tecnologie, specialmente quelli che vendono o creano prodotti all'avanguardia. Riteniamo che il cosiddetto "Internet of Things" sia l'area tecnologica che possa offrire le opportunità più interessanti per il 2015, trainata dal diffondersi di gadget collegati e da dall'adozione diffusa della tecnologia portatile.

Ng Kong Chiat, Equity Analyst, Portfolio Manager Absolute Asia Asset Management

Nel 2014 è proseguito il forte trend di crescita del settore tecnologico degli ultimi anni. I titoli dell'area asiatica (ex Giappone) sono stati trascinati dal lancio dell'iPhone 6 e dell'iPhone 6 Plus di Apple a settembre. Questi sono hanno inoltre beneficiato dalla fine del supporto da parte di Microsoft per gli utenti di Windows XP all'inizio dell'anno, circostanza che ha comportato e sostenuto un ciclo di sostituzione di PC aziendali. Una ulteriore penetrazione di smartphone nei mercati emergenti e la moderata ripresa economica dei mercati sviluppati, che hanno portato ad un aumento della spesa per la tecnologia aziendale, hanno altresì sostenuto la crescita del settore nel corso dell'anno.

Ma tali fattori positivi nel 2014 rischiano di trasformarsi in ostacoli per questo settore nel 2015 poiché cominciano a perdere lo slancio iniziale. Inoltre, parte di tale crescita è stata associata ad un unico fattore, che potrebbe non presentarsi nuovamente nel 2015. Di conseguenza, crediamo che l'uscita della prossima versione dell'iPhone nel nuovo anno, così come di altri prodotti Apple, avrà un impatto più contenuto. Inoltre, riteniamo che vi sarà un ciclo meno sostenuto di sostituzione di PC nel 2015, una più lenta penetrazione degli smartphone ed una spesa per IT più contenuta da parte delle aziende globali. In tale contesto, potrebbe essere più difficile navigare nell'area tecnologica.
Gli investimenti nel settore tecnologico che riteniamo più interessanti sono i seguenti:
- produttori di dispositivi mobili i cui prodotti possono valere come fonti principali di differenziazione: tali componenti comprendono lenti modulo telecamera, casing player, sensori di impronte digitali.
- provider di IT e hardware orientati verso la crescita strutturale e a lungo termine di cloud e Big-data computing (mentre la spesa per la tecnologia aziendale tradizionale potrebbe stabilizzarsi, le imprese si stanno concentrando sempre più sulle tecnologie SMAC - social, mobile, analytics, cloud): i potenziali beneficiari sono fornitori di servizi IT selezionati e di hardware server.
- società di Internet/eCommerce e mobile gaming, con buona esposizione alla fascia di clienti orientati verso i servizi online, che rappresenta una costante tendenza secolare.
- fornitori di pannelli orientati verso l'aumento della risoluzione/dimensione dei display, un fattore che continua ad essere importante per l'elettronica di consumo.
Più a monte, continuiamo a guardare con favore alle aziende di semiconduttori nel settore memorie e fonderie. Siamo convinti che gli attuali/futuri motori trainanti, tra cui dispositivi mobili, Cloud, l'Internet delle Cose/dispositivi portatili, e le difficoltà associate alla migrazione di tecnologie, possano mantenere l'equilibrio tra domanda e offerta. Infine, seguiamo attentamente gli sviluppi dell'illuminazione generale a LED, dell'automazione industriale, dell'elettronica automobilistica, dei dispositivi portatili e dell'energia verde, compresi i veicoli. Trattasi di segmenti tecnologici che possono dare risultati sorprendenti in virtù dei lunghi periodi di incubazione e delle nuove esigenze di consumatori/aziende.

 



Finanza e investimenti

numero di 31/12/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>