Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 24/09/2014
Finanza e investimenti

La sorpresa di Draghi
de Vries (Kempen Capital Management): La BCE sta solo dando tempo ai politici per attuare misure politicamente sensibili ma economicamente cruciali. I tedeschi (e gli olandesi) devono spendere di più, francesi e italiani devono abbattere un sovraccarico di burocrazia

Così Mario Draghi è riuscito a sorprendere il mercato. Molte opinioni diverse sono circolate prima dell'ultima riunione, ma pochi si aspettavano che fosse così audace. I tassi non sono mai stati così bassi nella zona euro e il bilancio della BCE si è nuovamente messo al lavoro per combattere la bassa inflazione. L'inflazione, certo (non la crescita economica): ci si dovrebbe ricordare che l'unico mandato della BCE è quello di ancorare l'inflazione vicino al 2%.

Anche se l'Europa non è a rischio di scivolare in uno scenario deflazionistico come il Giappone (il contesto economico e strutturale semplicemente non è paragonabile), la bassa inflazione riflette l'eccesso di debito che continua a dominare il comportamento economico nella zona euro. Tassi ultra-bassi e l'espansione del bilancio della BCE da soli non possono riaccendere l'economia dell'Eurozona: solo lo stimolo fiscale nei paesi del Nord e la riforma strutturale in quelle meridionali possono farlo.

La BCE sta solo dando tempo ai politici in modo che possano attuare misure che siano politicamente sensibili, ma economicamente cruciali per lo sviluppo a medio termine dell'UE. I tedeschi (e gli olandesi) devono spendere di più e i francesi e gli italiani hanno bisogno di liberare il loro paese da un sovraccarico di burocrazia.

Forse alcuni venti in coda di un euro più debole potrebbe convincerli a giocare a palla. Meglio iniziare a giocare ora che avere in seguito la squadra del cuore squalificata e schiacciata dal prepotente mercato obbligazionario.

 

William de Vries, Head of Core Fixed Income, Kempen Capital Management

 

 



Finanza e investimenti

numero di 24/09/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>