Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 17/09/2014
Sport Business

Un altra vittoria per il Real Madrid: nuovo record di fatturato
Con 609 milioni di euro, è aumentato del 10,9% rispetto alla scorsa stagione, con anche l'utile netto in leggero aumento, da 36,9 milioni dello scorso anno a 38,5 milioni

Grandi, forti e vincenti. Non solo sul campo, dove hanno vinto la “Decima” Champions’ League, ma anche a livello finanziario. Gli spagnoli del Real Madrid hanno infatti annunciato un record di fatturato di 603,9 milioni di euro ($ 790 mln e £ 480,8mln per chi ama i confronti con altri campionati e classifiche) per la stagione 2013-14. Un risultato ottenuto anche grazie ialla vittoria in Champions League.

Il fatturato totale del Real Madrid è aumentato del 10,9% sulla scorsa stagione, con anche l'utile netto in leggero aumento, da € 36,9 milioni di euro della scorsa stagione, a 38,5 milioni (4,4%).

Il Real anche ridotto l’indebitamento netto del 21%, pari ora a 71,5 milioni di euro.

"Siamo estremamente soddisfatti della stabilità finanziaria del club che ci dà equilibrio istituzionale e successi sportivi", ha dichiarato il presidente del club Florentino Perez in una conferenza stampa al Bernabeu. "Per il decimo anno consecutivo saremo il club con il maggior fatturato al mondo”.

Tuttavia, malgrado il rafforzando della posizione come “Il club più ricco al mondo” (classifica di Forbes), il Real è finito sotto processo per aver venduto due giocatori chiave come Angel Di Maria e Xabi Alonso, per un combinato 85 milioni di euro di incasso. Che diventano 114 milioni con le cessioni di Xabi Alonso, Alvaro Morata, Casemiro e Diego Lopez.

Queste partenze sono venute dopo che il club aveva fatto per molti osservatori la pazzia di acquistare per oltre 120 milioni di euro tre stelle messe in luce dalla Coppa del Mondo: James Rodriguez, Toni Kroos e Keylor Navas.

Il Presidente Perez, però, ha difeso la sua decisione di consentire a Di Maria di lasciare il club, sostenendo che l'argentino voleva un aumento di stipendio tale da farlo diventare il secondo giocatore più pagato al club, dietro Cristiano Ronaldo.

"Aveva esigenze economiche che non abbiamo potuto soddisfare. Abbiamo fatto la nostra migliore offerta al più alto livello che abbiamo potuto e lui non ha accettato", ha commentato.

"Con l'eccezione di Cristiano Ronaldo, che tutti sappiamo essere il miglior giocatore del mondo, nessun altro giocatore ha quel livello di reddito. Se avessimo accettato le richieste economiche di Di Maria non ci sarebbe stata disparità di trattamento e potrebbe mettere la stabilità economica del club a rischio. Di fronte a suo rifiuto della nostra offerta abbiamo cominciato a pensare ad altri giocatori e portato Rodriguez".

 



Sport Business

numero di 17/09/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>