Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 16/07/2014
Fare Business

Quattro mesi fra le richieste del business e cio' che l'IT puo' offrire
Baguley (VMware): E’ una continua corsa verso il cambiamento. Il disallineamento frena l'innovazione, la crescita e il vantaggio competitivo

VMware annuncia i risultati di una ricerca secondo la quale quasi i due terzi (62%) dei decisori IT in Italia ritengono che esista un divario tra le aspettative del business e ciò che l’IT può effettivamente fornire. Un dato che in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) è del 65%, e che in Gran Bretagna raggiunge addirittura l’80%. Gli intervistati che sostengono l’esistenza di questo gap lo quantificano in un tempo di quattro mesi, a differenza della maggior parte dei responsabili IT in EMEA che ritengono sia di cinque mesi.

Questo disallineamento tra business e IT ha delle conseguenze significative in termini di prestazioni, competitività e prospettive di crescita delle aziende. Le implicazioni maggiori riguardano la possibilità che tutti i reparti aziendali vedano ridursi il livello di innovazione (38%), la crescita dell’azienda (35%), e si perdano quote di mercato a favore di concorrenti più agili (29%). Un intervistato su quattro in Italia percepisce la riduzione della produttività come una delle conseguenze di questo disallineamento (contro una media EMEA del 36%).

 

Tra riduzione dei costi e modernizzazione

 

In un momento in cui le aziende devono far fronte a una nuova era per le infrastrutture tecnologiche, questo divario si aggiunge alla già forte pressione che i responsabili IT stanno vivendo. Secondo la ricerca, condotta da Vanson Bourne e commissionata da VMware, in Italia il 74% dei responsabili IT percepisce la pressione da parte del CEO, del CTO o della Direzione Generale per una modernizzazione dell’IT nei prossimi 12 mesi, rispetto ad esempio, al 55% in Germania, il valore più basso, e all'85% in Russia.

Per le imprese italiane, in particolare, all’IT viene chiesto di ridurre i costi dell’infrastruttura (51%), di spostare più componenti IT sul cloud (35%), (uno dei valori più bassi rispetto al 48% in Francia e nei Paesi Nordici), e di migliorare la mobilità della forza lavoro (32%).

 

Driver per l’innovazione

 

"Un ritardo di mesi tra ciò che l'azienda si aspetta dall’IT e ciò che l’IT può offrire è enorme. Non possiamo sottovalutare la pressione a cui sono sottoposti i dipartimenti IT in questa nuova era del mobile cloud, poiché sono loro a bilanciare la necessità di massimizzare il valore dei sistemi esistenti con l’esigenza di implementare nuove tecnologie", ha commentato Joe Baguley, Chief Technology Officer EMEA di VMware. "Sempre più spesso sentiamo dire che le aziende vedono l’IT come un driver per l’innovazione. L’IT deve essere parte del futuro, non un accessorio. Le aziende di tutte le dimensioni hanno bisogno di un'infrastruttura IT in grado di scalare in base alle esigenze, aumentare l'automazione per ridurre le problematiche relative alle gestione, migliorare la produttività e sostenere l'innovazione. L’investimento deve spostarsi verso un IT che possa influenzare realmente il business e ridurre il gap."

La pressione a cui è sottoposto l’IT è un fattore molto sentito: secondo la ricerca, nel nostro Paese il 59% dei responsabili IT ritiene che i concorrenti più flessibili possano implementare una infrastruttura moderna più rapidamente e quindi reagire in maniera più veloce ai cambiamenti del mercato.

ll 63% dei responsabili IT crede che un maggiore allineamento con gli obiettivi aziendali sia fondamentale per ridurre il divario, (rispetto al 58% in EMEA), mentre il 57% ritiene sia necessario poter riallocare le risorse qualificate verso progetti innovativi. Il 50% dei responsabili IT italiani ritiene importante l’incremento negli investimenti. Inoltre, il 45% individua nella creazione di un Digital Officer un elemento chiave per diminuire il gap, a dimostrazione della necessità di avere le persone giuste al posto giusto perche l’IT possa aiutare le aziende a migliorare le prestazioni, la competitività e la crescita.   

 

 



Fare Business

numero di 16/07/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>