Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 11/06/2014
Fare Business

Nonostante la crisi cresce la pausa caffe'€™ al distributore automatico
Il Vending è un settore con un giro d'€™affari di 2,62 miliardi di fatturato, cresciuto dello 0,84% rispetto al 2012

L'€™indebitamento del comparto della distribuzione automatica italiana si è ridotto nel 2013 del 5,5% rispetto all’anno precedente evidenziando gli effetti di una generale stretta creditizia, pur avendo l’80% delle imprese del settore realizzato margini positivi. Questi i dati risultanti dall’Osservatorio condotto da CONFIDA – Associazione Italiana Distribuzione Automatica.

La Distribuzione Automatica (Vending) è un settore con un giro d’affari di 2,62 miliardi di fatturato, cresciuto dello 0,84% rispetto al 2012

Analizzando il comparto delle sole imprese di gestione, cioè le aziende che si occupano di rifornimento e assistenza dei distributori automatici nei diversi luoghi di utilizzo, il fatturato del 2013 ammonta a € 2.161.368.845, in leggera crescita (+ 1,09%) rispetto all’anno precedente e malgrado un calo delle consumazioni dell’1,14%.

L’incremento del fatturato riguarda in particolare i distributori automatici di bevande calde, prodotti per cui si registra sia un incremento dei volumi (+ 2,19%) che un aumento del prezzo medio al consumo.

All’aumento delle bevande calde consumate ai distributori automatici tradizionali si contrappone una riduzione (- 4,20%) del consumo OCS (piccole apparecchiature da ufficio funzionanti a capsule e cialde), delle bevande fredde ( - 5,15%) e degli snack (- 1,83%). Il caffè, insieme alle altre bevande calde e al’acqua restano i prodotti più consumati con oltre l’80% delle consumazioni.

Ma se il comparto tiene al consumo, ben diversa la situazione a monte della filiera. La componente industriale (imprese di fabbricazione di distributori automatici, sistemi di pagamento e accessori), in netta sofferenza da anni, ha ulteriormente ridotto il proprio fatturato di circa il 6%.

Il parco macchine, con 2.427.202 distributori automatici installati in Italia, mostra un risultato stabile rispetto all’anno precedente.

La distribuzione automatica italiana, nonostante una congiuntura sempre più difficile, contribuisce in modo virtuoso all’economia del Paese, ma questo solo grazie ad anni di investimenti con risorse finanziarie proprie,” afferma Lucio Pinetti, Presidente di CONFIDA – Associazione Italiana Distribuzione Automatica. “In considerazione del contesto economico attuale, questo impegno nel breve/medio periodo non sarà più sufficiente. Per un vero rilancio di tutta la filiera è necessario un sostegno alle imprese che faccia leva su una agevolazione agli investimenti e un più favorevole accesso al credito che le nostre imprese nei numeri dimostrano di meritare”.



Fare Business

numero di 11/06/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>