Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 04/06/2014
Idee e opinioni

Consulenza finanziaria professionale e certificata a garanzia degli investitori
Liccardo (EFPA Italia): “Oltre la MiFID, per un risparmio efficace e sostenibile” sarà il tema del Meeting 2014 dell’associazione, che si terrà a Lecce il 5 e 6 giugno

La professionalità degli operatori è un fattore spesso determinante per portare a termine in modo sicuro ed efficace consulenze a risparmiatori ed investitori. E una garanzia europea certifica aggiornamento e professionalità del consulente. EFPA (European Financial Planning Association) è la prima Organizzazione non governativa veramente europea che prevede standard professionali, etici, di formazione e di esame accettati dal settore per i professionisti dei servizi finanziari in tutta Europa. EFPA è anche il più autorevole organismo professionale preposto alla definizione di standard e alla certificazione per i Financial Advisors e Financial Planners in Europa ed è stata la prima associazione europea di definizione di standard finanziari espressamente creata allo scopo di incrementare la professionalità del settore dei servizi finanziari europei. La mission di EFPA consiste nel fissare in maniera continuativa nel tempo standard pertinenti e di elevata qualità per i programmi didattici, gli esami e l’etica nel settore del financial advising in tutta Europa. Il 5 e 6 giugno si svolgerà a Lecce l’EFPA Italia Meeting, appuntamento importante per tutti i professionisti della consulenza finanziaria. Ne abbiamo parlato con Luciano Liccardo, Segretario Generale EFPA Italia.

Qual è il tema su cui avete deciso di puntare per il Meeting di quest’anno e perchè?

Il tema è davvero di estrema attualità: già il titolo “Oltre la MiFID, per un risparmio efficace e sostenibile”, rende immediatamente chiaro in che modo abbiamo voluto affrontare il tema della revisione normativa, che già da tempo i professionisti del risparmio seguono quotidianamente per svolgere al meglio la propria attività. Oggi la questione della revisione è particolarmente sentita e attuale, dato che pone diversi ed importanti interrogativi sul modo in cui i professionisti debbano interpretare la propria attività di consulenza. L’evento, che da sempre viene proposto come un momento di formazione, andrà ad aggiornare competenze e prospettive utili per l’attività di consulenza e intende offrire chiavi di lettura e spunti interpretativi. Inoltre, è un’occasione per ricordare che il mantenimento della certificazione passa attraverso l’aggiornamento e l’approfondimento delle tematiche relative alla professione.

Ci racconta qualcosa di più sui convegni in programma durante l’evento?

In particolare, nel pomeriggio di giovedì, Emanuele Carluccio, Presidente Standards and Qualifications Committee e Luigi Spada, Senior Counsel dello studio legale Bird&Bird (ex Consob), illustreranno nel corso di un seminario i vantaggi e gli svantaggi della MiFID 2. Il secondo momento di approfondimento di venerdì pomeriggio, sarà incentrato sulla tematica del rischio, che sta assumendo un ruolo sempre più cruciale, soprattutto nella dinamica inerente la sua percezione: Mario Anolli, Professore Ordinario presso l’Università Cattolica di Milano e Paolo Antonio Cucurachi, Professore Ordinario presso l’Università del Salento, ci guideranno all’interno di un percorso di finanza comportamentale, tra la percezione della variabile di rischio da parte del risparmiatore e il conseguente punto di vista del professionista. Altro momento fondamentale il dibattito in cui il faro è di nuovo puntato sulla MIfid, ma che si svolgerà in modo innovativo: per la prima volta, infatti, le reti di promozione finanziaria si confrontano tra loro e con le authority sulla compliance e sulla conseguente adeguatezza degli intermediari all’applicazione della normativa. Il punto è capire come le reti si “attrezzano” e “attrezzano” i loro mandatari al fine di essere adeguati alla normativa, in un confronto con le due authority, Esma e Consob. Dulcis in fundo, al sociologo Domenico De Masi, Professore emerito presso l’Università La Sapienza, è demandato l’arduo compito di interpretare in chiave sociologica l’eterno dilemma tra previsione e pianificazione, con un taglio particolarmente adatto ad una platea di professionisti che quotidianamente affrontano questi due momenti imprescindibili e che necessitano di un equilibrio nelle sfide del dialogo con il cliente.

Che cosa vi aspettate dal Meeting di Lecce?

Si tratta dell’evento più a Sud organizzato nella storia di EFPA Italia. Riteniamo che la scelta della location vada a rappresentare bene lo spirito di servizio della fondazione nei confronti della categoria: abbiamo ritenuto infatti di voler coinvolgere i professionisti dell’Italia meridionale, che non hanno facile e frequente accesso ad occasioni di questo tipo, tanto quanto i loro colleghi di altre parti del nostro Paese. Il meeting, patrocinato - oltre che da Anasf - anche dal Comune e dalla Provincia di Lecce, è aperto sia ai certificati che ai non certificati, dato che la fondazione intende coinvolgere tutti coloro che sono interessati ad una formazione di qualità. Ci aspettiamo la partecipazione non solo della componente dei promotori finanziari, ma anche la robusta presenza dei consulenti del mondo bancario e degli studenti universitari degli ultimi anni della facoltà di economia, la nuova “linfa” del nostro settore. Da ultimo, ma non per questo meno importante, esprimo la mia soddisfazione per l’adesione corposa da parte degli sponsor, una quarantina in tutto, a testimonianza che l’EFPA Italia Meeting non è un evento di nicchia ma si rivolge ed interessa la fascia alta dei professionisti del risparmio.


Per informazioni sul meeting:
http://www.EFPAitalia-eventi.it/  



Idee e opinioni

numero di 04/06/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>