Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 14/05/2014
Fare Business

Spedizioni? I pacchi si ritireranno in appositi terminali
InPost ha messo a punto una soluzione per il ritiro dell'ecommerce

L'ecommerce è un sistema che è qui per restare. Ha il vantaggio di fare risparmiare qualche soldo agli acquirenti, ha il vantaggio della consegna a domicilio, ma ha lo svantaggio che gli orari di consegna sono poco flessibili: o c'è qualcuno ad attendere il pacco o diventa un'impresa.
Inpost ha messo a punto un sistema che permette di poter ritirare autonomamenti i propri pacchi attraverso delle colonnine che verranno installate in 400 postazioni in Italia. Un sistema sicuro, vigilato e controllato, in cui i corrieri depositano i pacchi e gli utenti, attraverso una specie di Bancomat, sbloccano il compartimento corretto e prelevano il pacco.
"Un sistema che sta riscuotendo successo - ha esordito Stefano Moni, Amministratore Delegato di InPost Italia - perchè si tratta di una vera rivoluzione, che in molti Paesi ha già dato una forte spinta all'ecommerce. Molti servizi offrono la spedizione ma per gli utenti è un problema dover ritirare i pacchi. Al tempo stesso, i costi di spedizione risentono della capillarità del servizio. In questo contesto, una soluzione di caselle di ritiro come le nostre viene incontro agli utenti, alle aziende che commerciano e agli spedizionieri perché offrono un servizio di invio e ricezione dei pacchi attivo 24/7 e il ritiro può avvenire quando si è più comodi. La nostra azienda ha già installato le postazioni in 19 Paesi e ha riscosso ovunque interesse e successo".



Abbiamo stretto importanti partnership con ePrice e TNT Italia


Effettivamente la consegna è un piccolo problema, spesso gli utenti si "appoggiano" alla reception del proprio ufficio o da amici o parenti che sono a casa negli orari di consegna, a discapito spesso della propria privacy o costringendo a fare un viaggio in più per riprendere il pacco. "Verranno installati 400 terminali, che noi chiamiamo Locker, per la consegna e il ritiro automatico di pacchi postali" ha proseguito Moni. Inizialmente si partirà dalle regioni settentrionali e centrali del Paese e nelle principali città quali Roma, Milano e Torino. Successivamente, i nostri Locker saranno disponibili nella maggior parte delle province italiane. Abbiamo stretto importanti partnership con il gruppo Banzai per la collaborazione con ePrice, sito leader per il commercio elettronico, e con TNT Italia per fornire ai clienti un servizio già attivo fin dai primi giorni. Il nostro sistema permette anche un elemento aggiuntivo: la possibilità di ritirare i prodotto spedito e di pagarlo direttamente dal terminale, proprio come se si trattasse di un bancomat. I locker sono semplicissimi da usare perché consentono di entrare in possesso delle proprie spedizioni in una manciata di secondi nella massima sicurezza. I nostri Locker sono impossibili da spostare e dispongono di telecamere a circuito chiuso per prevenire possibili danni, oltre a sofisticati sistemi di alert collegati direttamente con il sistema centrale di InPost e con le forze dell'ordine. Nel momento in cui il corriere consegna il pacco nel Locker, il cliente riceve un codice con le informazioni necessarie per il ritiro e il pacco è disponibile per il ritiro".

Un sistema quindi che si contraddistinge per la praticità, economia e tempistica. "Un sistema di questo tipo permetterà di risparmiare moltissimo sui costi di consegna, ma anche sui tempi degli stessi", ha concluso Moni. "Il nostro piano prevede di installare mille Locker entro la fine del 2015 in luoghi facilmente accessibili come stazioni di servizio, supermercati e stazioni ferroviarie, luoghi molto frequentati e che sono attivi già oggi 24/7. Siamo certi che per un paese come l'Italia quasta sia una splendida opportunità per fare decollare definitivamente il commercio elettronico, e il concetto di Pick&Pay diventerà un'abitudine per gli italiani. Il nostro obiettivo è molto ambizioso, perché vogliamo diventare il principale operatore in questo mercato e non è un caso che dal momento del debutto ci presentiamo con due partner molto forti e riconosciuti sul mercato".



Fare Business

numero di 14/05/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->