Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 16/04/2014
Sport Business

Quattro nuovi campioni del golf ambasciatori Audemars Piguet
Bennahmias (Audemars Piguet): Passione, precisione e rigore sono valori condivisi dal golf e dall'orologeria. Per questo abbiamo scelto Stenson, Aphibarnrat, Dubuisson e Uihlein

Nick Faldo annuncia l'ingresso dei golfisti Henrik Stenson (Svezia), Victor Dubuisson (Francia), Kiradech Aphibarnrat (Tailandia) e Peter Uihlein (Stati Uniti) nel prestigioso team di golf Audemars Piguet. Formato da giocatori eccezionali che si distinguono nella loro disciplina, il team incarna perfettamente la filosofia della manifattura: "Per rompere le regole, occorre prima conoscerle".
"Passione, precisione e rigore sono valori condivisi dal golf e dall'orologeria", afferma François-Henry Bennahmias, CEO di Audemars Piguet, lui stesso giocatore di golf ed ex campione internazionale. "Siamo fieri di associare il nostro nome a nomi importanti del golf. Animati da una grande passione, questi campioni hanno una perfetta padronanza della loro disciplina e lavorano incessantemente per raggiungere sempre nuovi traguardi".
Nick Faldo appartiene alla ristretta cerchia delle leggende viventi del golf, vantando un palmarès eccezionale che include 6 prestigiose vittorie nei tornei Major. Numero uno mondiale per molto tempo, questo golfista britannico ha anche segnato il maggior numero di punti nella storia della Ryder Cup. Col suo swing impeccabile, Sir Nick Faldo ha lasciato un'impronta indelebile nella storia del golf. Noto per il suo gioco elegante, è stato il primo ambasciatore della manifattura dal 1988. Diversi esemplari Royal Oak in edizione limitata gli sono stati dedicati nel 1992, 1997 e 2002. Oggi, è ancora molto attivo nel settore golfistico in qualità di opinionista televisivo, architetto di campi di golf e fondatore delle Nick Faldo Series, torneo juniores internazionale di cui Audemars Piguet è partner. 
 
I nuovi ambasciatori

Terzo nella classifica mondiale, Henrik Stenson possiede probabilmente la tecnica di gioco più efficace al mondo. Nato nel 1976 a Göteborg, Svezia, uomo di gusto e di precisione, Henrik è un giocatore di gran classe. Soprannominato "Iceman", questo golfista dai nervi d'acciaio è stato indubbiamente il giocatore dell'anno 2013, con 3 tornei conquistati e l'invidiabile primato di primo golfista della storia a vincere nello stesso anno la FedEx Cup negli Stati Uniti e la Race to Dubai in Europa.

Nato nel 1990, Victor Dubuisson possiede tutte le qualità di un autentico moschettiere del golf: stile, audacia e talento. Passato al professionismo quattro anni fa, questo francese anticonformista, tra i giocatori di maggior talento della sua generazione. Alla fine del 2013, conquista l'Open di Turchia, uno dei tornei meglio attrezzati del circuito europeo. All'inizio del 2014, impressiona gli osservatori conquistando la partecipazione alla finale del campionato del mondo match play a Marana, in Arizona. Di sicuro lo attende un futuro radioso, come affermano gli esperti.

Tra i golfisti più brillanti dell’Asian Tour spicca il nome di Kiradech Aphibarnrat. Nato a Bangkok nel 1989, non manca di sfoggiare un sorriso aperto e comunicativo in ogni situazione. Dopo aver ottenuto risultati straordinari nei tornei juniores, questo, appassionato di sport automobilistici si afferma come grande rivelazione del golf in occasione del Maybank Malaysian Open nel 2013 e classificandosi nella Top 5 altre sette volte. Conclude la stagione dell'Asian Tour in prima posizione, aggiudicandosi l’ordine al merito 2013.

Peter Uihlein ha la stoffa dei grandi campioni. Classe 1989, questo giovane talento americano incarna la nuova generazione di golfisti per il gioco spettacolare che associa tecnica e potenza. Nel 2012, Peter Uihlein partecipa al suo primo evento professionistico sul circuito europeo. Scelta inconsueta, ma redditizia, dal momento che il richiedente conquisterà il suo primo torneo professionistico l'anno successivo e, soprattutto, vincerà il premio Sir Henry Cotton Rookie of the Year, divenendo di fatto il primo americano della storia del golf a potersi fregiare del prestigioso titolo.


Questi giocatori entrano a far parte del Dream Team degli ambasciatori del golf Audemars Piguet, accanto a Keegan Bradley, Bud Cauley, Darren Clarke, Miguel Angel Jiménez, Graeme McDowell, Belén Mozo, Louis Oosthuizen, Ian Poulter e Lee Westwood. Al polso, sfoggiano uno dei sei nuovi cronografi Royal Oak Offshore del diametro di 42 mm. Caratterizzati da un'estetica scultorea più tecnica rispetto ai modelli precedenti (basti notare le corone e i pulsanti in ceramica nera) questi esemplari presentano un fondello in vetro zaffiro che si apre sullo spettacolo offerto dalla massa oscillante in oro 22 carati, frutto di 139 anni di nobile tradizione orologiera.



Sport Business

numero di 16/04/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->