Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 16/04/2014
Finanza e investimenti

Crisi Crimea: opportunita' di acquisto nell’Europa centrale?
Screve (Candriam): La crescita economica in Russia ha mostrato una tendenza verso il basso negli ultimi anni, ma scegliendo bene nella regione si possono trovare opportunità

Gli eventi in Ucraina nel corso dell'ultimo mese hanno causato ulteriori deflussi provenienti dall’Emerging Europe. Gli investitori internazionali si sono precipitati verso l'uscita appena al rischio economico si è aggiunto il (geo) rischio politico. La vittima principale è stato il mercato azionario russo: l'Occidente tenta gradualmente di isolare il Paese e contenerlo per mezzo di sanzioni. Non sono solo le società russe che hanno subito perdite, ma anche altri soggetti con esposizione in Ucraina o Russia. Quindi, è questo il momento di essere coraggiosi e andare a pesca oppure ci si dovrebbe sedere e aspettare più chiarezza con gli eventi che continuano a svolgersi?

Contesto storico dell'Ucraina: una scelta difficile tra Oriente e Occidente

Per tutte le riserve che si possono aver avuto in merito al vecchio regime dell'Ucraina, rappresentava un fragile equilibrio di un Paese diviso tra Oriente e Occidente e in una condizione finanziaria pietosa. Sin dalla sua indipendenza nel 1991, il Paese non ha visto nessun investimento. Peggio ancora, le successive modifiche di governo e la corruzione imperante hanno concentrato la ricchezza del Paese nelle mani di pochi, lasciando la popolazione in povertà crescente. Non c'è da meravigliarsi se sono scesi in piazza, con promesse di adesione all’EU e sogni di rapidi cambiamenti in meglio.
Con Kiev che sta diventando una destinazione sempre più popolare per i politici occidentali, è bene ricordare dove l'attuale conflitto ha avuto origine: il rifiuto e/o incapacità di scegliere tra Est o Ovest dell'Ucraina. L’Ucraina vede se stessa come ponte tra Europa occidentale e orientale. La pressione sull'Ucraina per scegliere tra la prima e la seconda può solo portare ad una ulteriore frattura del Paese. Le discussioni sull'accordo di associazione con l'Unione europea erano così lunghe e difficili, perché i vantaggi che offriva erano stati giudicati insufficienti dagli ex governanti del Paese, soprattutto sul versante finanziario. Dal punto di vista economico, una associazione economica con l'UE significherebbe aprire le frontiere alle importazioni occidentali e molti anni difficili davanti a causa dell'industria obsoleta e non competitiva del Paese. La probabile chiusura del redditizio mercato russo, e la fine del gas a buon mercato dalla Russia non avrebbe inoltre aiutato. La questione è aperta e non vedrà una risoluzione a breve.

Sanzioni occidentali: un rischio reale per il mercato azionario russo?

Nel frattempo, il mercato azionario russo probabilmente rimarrà ricoperto dal timore di ulteriori sanzioni e isolamento. La questione, tuttavia, è quanto siano efficace tali sanzioni in un mondo globalizzato, dove la maggior parte delle esportazioni della Russia sono materie prime, da cui dipende una parte dell'Occidente. Alcuni settori e molte imprese possono esserne colpiti, poichè le sanzioni influenzeranno i costi delle aziende, ma i modi di aggirarle saranno facili da trovare. La Russia è dipendente dalla tecnologia occidentale in alcune aree, ma può trovare delle alternative. La crescita economica russa può soffrire, ma anche quella dell'Europa occidentale, perdendo mercati di esportazione redditizi in Oriente.
L'equilibrio di potere tra la Russia e l'Occidente si sta spostando gradualmente. Una Russia che risorge, è improbabile che lasci che un ex Repubblica sovietico geo-strategicamente importante ricada interamente nel campo dell'Occidente. L'Occidente dovrà convivere con questa nuova realtà. Sanzioni e tentativi di isolamento spingeranno la Russia a riorientare ulteriormente il suo sviluppo a est, lontano dall'Europa. L'Europa continua a dipendere dal gas russo, una dipendenza che è improbabile che vada a diminuire, a meno che sia pronta a pagare il prezzo per questo. L'Ucraina è completamente dipendente dal gas russo. Mentre lo shale gas e GNL sono spesso propagandati come potenziali varianti nel gioco, la verità è che entrambi richiedono ingenti investimenti e prezzi elevati del gas in senso economico.
I livelli di valutazione sulle scorte russe hanno continuato a lievitare e hanno ormai raggiunto livelli che non si vedevano dal conflitto Russia-Georgia dell'agosto 2008. Il timore di sanzioni è in gran parte psicologico. Sanzioni economiche reali sono improbabili in quanto possono danneggiare l'Europa occidentale più di quanto potrebbero in Russia. Il vero timore è per un ulteriore indebolimento della crescita economica (ogni accenno di sanzioni ovviamente non la favorisce) e il rischio di escalation, poichè le provocazioni abbondano e possono innescare ulteriori ostilità.
La crescita economica in Russia ha mostrato una tendenza verso il basso negli ultimi anni, ed è improbabile che recuperi in modo sostanziale nel breve termine. Le riforme sono attuate, ma potranno dare risultati solo a lungo termine. La crescita rimane a rischio con prezzi del petrolio più bassi e/o un clima di debolezza dei mercati emergenti.
Anche se non siamo particolarmente appassionati di asset russi nel contesto attuale, le aziende russe continuano ad offrire livelli di redditività relativamente elevati rispetto alle loro omologhe nella regione, e questo a livelli di valutazione molto interessanti. Ovviamente, i rischi abbondano. Il rublo (e la grivna ucraina) hanno perso oltre il 10% dall'inizio dell'anno, e mentre la Russia come Paese ha un forte bilancio, alcune società russe tendono ad avere livelli relativamente alti di debito estero. Ilrublo più debole sarà sicuramente un beneficio per gli esportatori, i cui ricavi sono in dollari mentre la cui base di costi è in rubli. Ma gran parte del beneficio può fluire verso il governo a causa di elevate aliquote marginali. In generale, un rublo debole dovrebbe aiutare la competitività della Russia, e dare una spinta alla produzione locale.


Stock pickings

Gli investitori abbastanza coraggiosi possono iniziare a dare un'occhiata ad alcune aziende che operano bene, anche in questi tempi difficili. Un certo numero di aziende IT quotate al Nasdaq, come EPAM o LXFT, continuano a mostrare una forte crescita e generare la maggior parte del loro fatturato in Occidente, ma i loro centri di servizio sono diffusi in tutta l'Europa centrale e orientale. Sono evidenti i beneficiari dell’indebolimento delle valute locali. Un altro esempio potrebbe essere MHP quotata a Londra, un business di pollame ucraino molto redditizio e verticalmente integrato, con una parte delle sue operazioni in Crimea, che potrebbero dare alla società un migliore accesso al mercato russo più redditizio andando avanti. E un ultimo esempio può essere Magnit, Azienda russa alimentare retail decisamente trendsetter. Il prezzo del titolo ha corretto del 20% insieme con tutto il mercato russo ed è una scommessa relativamente difensiva su una ripresa del mercato azionario locale.

Philip Screve, Senior Fund Manager Emerging Markets at Candriam



Finanza e investimenti

numero di 16/04/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Continua a sfogliare per il prossimo articolo -->

*/ ?>