Usa il mouse, frecce o sfoglia se touch
   numero di 02/04/2014
Finanza e investimenti

 

Se il dragone rosso rallenta
Cohen (iShares): I deboli dati cinesi potrebbero accelerare i cambiamenti di politica economica, favorendo il mercato azionario

Attese di crescita della volatilità a seguito di uno spostamento dell’orientamento cinese da economia trainata dagli investimenti a economia trainata dai consumi.
Secondo Stephen Cohen, Chief Investment Strategist di iShares a livello EMEA, i deludenti dati cinesi potrebbero indurre le autorità a implementare misure per stimolare la crescita molto prima del previsto, creando potenziali opportunità di apprezzamento dei titoli nel breve termine.
"A seguito dei tentativi delle autorità cinesi di porre freno alla crescita del debito spostando l’orientamento dell’economia dagli investimenti ai consumi, ci aspettiamo di osservare livelli di volatilità crescenti”.
“In questo mese si è verificato il primo default di un emittente obbligazionario cinese. Le riforme concepite dovrebbero aiutare ad infondere maggiore disciplina al mercato, permettendo fallimenti di dimensioni ridotti e di natura non sistemica. A tal fine, il premier Li ha recentemente indicato l’impegno del Governo a garantire la stabilità finanziaria, nonostante i probabili futuri default”.
"La recente serie di dati economici comunicati a febbraio, inclusi le vendite al dettaglio, la produzione industriale e gli investimenti in immobilizzazioni, sono stati al di sotto delle aspettative. Considerando inoltre gli scarsi risultati commerciali e un’inflazione più contenuta, si prospetta un quadro di crescita più debole.
"L'attuale debolezza in termini di crescita potrebbe portare a porre nuovamente la crescita quale priorità dell’agenda del Governo nel breve termine, al fine di contenerne il rallentamento dato che si sta cercando un bilanciamento con degli annunci di riforme quali l'ampliamento della banda di oscillazione presentata lo scorso fine settimana. In precedenza avrebbero potuto reagire ad un simile rallentamento con un allentamento monetario per rilanciare gli investimenti, come fatto lo scorso giugno. Di fatto – conclude Cohen - quindi si potrebbero presto manifestare opportunità di sovraperformance dell’azionario cinese sulla scia di possibili manovre di politica monetaria”.



Finanza e investimenti

numero di 02/04/2014
SOMMARIO di questa settimana

Condividi su LinkedIn




Sfoglia il prossimo articolo -->

*/ ?>