Istat: a maggio crollo della fiducia di consumatori e imprese


Le conferenze a reti unificate del Premier e le frasi a effetto non incantano più né le famiglie né tantomeno le industrie. Di centinaia di miliardi di euro promessi dal governo solo una minima parte – decisamente insufficiente – è arrivata ai destinatari. Ci sono ancora milioni di persone che non hanno ricevuto la Cassa integrazione e per le aziende il rifinanziamento attraverso un prestito assomiglia ad un perverso percorso nei meandri della burocrazia. Chiaro che il confronto con la maggior parte dei Paesi europei, o gli USA o l’Australia, è impietoso. Occorrevano, e tuttora occorrono, centinaia di miliardi di euro a fondo perduto per sostenere l’economia dalla pandemia. Le poche briciole stanziate, senza un quadro di insieme di crescita, sono sostanzialmente inutili e dal risultato sterile. Ed è chiaro che in queste sabbie mobili aziende e famiglie si sentano intrappolate. Non stupisce quindi affatto che l’Istat rilevi che le stime effettuate con i dati raccolti a maggio indichino livelli storicamente bassi dell’indice del clima di fiducia dei consumatori (94,3) e dell’indice composito del clima di fiducia delle imprese (51,1). Il confronto dei dati di maggio con quelli relativi a marzo (ad aprile non è stata possibile la rilevazione) segnala flessioni per tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori. La diminuzione è marcata per il clima economico e corrente mentre il clima personale e quello futuro registrano diminuzioni contenute. Il clima economico passa da 94,4 a 71,9, il clima personale cala da 102,4 a 100,9, il clima corrente cade da 104,8 a 95,0 e il clima futuro decresce solo lievemente, passando da 93,3 a 93,1. Con riferimento alle imprese, le stime degli indici evidenziano una caduta della fiducia, rispetto a marzo 2020, nel settore dei servizi di mercato (l’indice passa da 75,7 a 38,8), del commercio al dettaglio (da 95,6 a 67,8) e delle costruzioni (da 139,0 a 108,4). Nella manifattura, l’indice di fiducia registra una flessione relativamente più contenuta, passando da 87,2 a 71,2, mantenendosi comunque su livelli storicamente bassi. Per quanto attiene alle componenti dell’indice di fiducia, nell’industria manifatturiera peggiorano, rispetto a marzo 2020, i giudizi sugli ordini mentre le scorte di prodotti finiti sono giudicate in accumulo; le attese di produzione subiscono un’ulteriore diminuzione. Per le costruzioni, la flessione dell’indice è causata da un forte peggioramento dei giudizi sugli ordini; relativamente più contenuto il calo delle aspettative sull’occupazione presso l’impresa. Nei servizi di mercato, il calo dell’indice rispetto a marzo 2020 è determinato da giudizi, sia sugli ordini sia sull’andamento generale dell’azienda, in forte peggioramento; si segnala invece un miglioramento delle aspettative sugli ordini, che tuttavia rimangono su livelli storicamente bassi. Con riferimento al commercio al dettaglio, crollano i giudizi sulle vendite e le scorte di magazzino sono giudicate in forte accumulo. Si registra un calo contenuto delle aspettative sulle vendite, dopo la caduta subita lo scorso marzo.




Clicca per ingrandire l'immagine



Scritto da Claudio C. Gandolfo il 28 May 2020 14:19






Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community







Trackback


Le nostre partnership




















Le quotazioni di Mercato sono offerte da Investing.com Italia.



Feed RSS


Le migliori offerte dei prodotti d'elettronica




Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.



BusinessCommunity.it - Supplemento a Guida Computer e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Il magazine ha cadenza settimanale, esce online il mercoledì mattina alle 7. La redazione posta alcune notizie quotidianamente, senza alcuna cadenza fissa.
Inoltre BusinessCommunity.it realizza la miglior rassegna economico finanziaria sul web, aggiornata in tempo reale.


Cercaci:

© 2009-2020 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154