Eurozona: a giugno produzione industriale -1,6%. Italia -0,2%


In tanti si erano stracciati le vesti per il dato italiano della produzione industriale, diminuita secondo l’Istat dello 0,2% a giugno. Non avevano però fatto i conti con il resto dell'eurozona, che ha fatto registrare dati ben peggiori, al punto che il nostro calo appare marginale rispetto a Paesi come la Germania, tanto per fare un esempio. Infatti, secondo l’Eurostat, a giugno 2019 rispetto a maggio 2019, la produzione industriale destagionalizzata è diminuita dell'1,6% nell'area dell'euro (EA19) e dell'1,5% nell'UE28. A maggio 2019, la produzione industriale è aumentata dello 0,8% nell'area dell'euro e dello 0,9% nell'UE28. A giugno 2019 rispetto a giugno 2018, la produzione industriale è diminuita del 2,6% nell'area dell'euro e dell'1,9% nell'UE28.

Confronto mensile per gruppo industriale principale e per Stato membro

Nell'eurozona a giugno 2019, rispetto a maggio 2019, la produzione di “beni strumentali” è diminuita del 4,0%, i “beni di consumo non durevoli” del 2,8%, i “beni di consumo durevoli” dell'1,2%, i “beni intermedi” dello 0,8% e l'energia dello 0,2%. Nell'UE28, la produzione di “beni capitali” è diminuita del 3,5%, i “beni di consumo non durevoli” del 2,2%, i “beni di consumo durevoli” dell'1,4%, i “beni intermedi” dello 0,9% e l'energia dello 0,4%. Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati, le maggiori diminuzioni sono state registrate in Irlanda (-8,8%), Danimarca (-7,6%) e Portogallo (-4,5%). Gli aumenti più elevati sono stati osservati in Lituania e Malta (entrambi +1,8%) e Lettonia (+1,5%). La Germania ha fatto registrare un inquietante -1,8% e la Francia un drammatico -2,3%.

Confronto annuale per gruppo industriale principale e per Stato membro


Nell'area dell'euro a giugno 2019, rispetto a giugno 2018, la produzione di “beni strumentali” è diminuita del 4,4%, i “beni intermedi” del 2,6%, i “beni di consumo durevoli” dell'1,0% e l'energia dello 0,1%, mentre la produzione di “beni di consumo non durevoli” è aumentata del 0,1%. Nell'UE28, la produzione di “beni strumentali” è diminuita del 3,7%, i “beni intermedi” del 2,0% e i “beni di consumo durevoli” dello 0,5%, mentre la produzione di “beni di consumo non durevoli” è aumentata dello 0,2% e l'energia dello 0,6%. Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili dati, le maggiori diminuzioni sono state registrate in Germania (-6,2%), Croazia e Portogallo (entrambe -5,6%). Gli aumenti più elevati sono stati osservati in Estonia (+ 7,4%), Lettonia (+ 4,4%), Danimarca (+ 4,2%) e Ungheria (+4,1). L’Italia ha fatto registrare un -1,2% mentre la Francia un -0,4%.




Clicca per ingrandire l'immagine



Scritto da Claudio C. Gandolfo il 14 Aug 2019 11:52







Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community







Trackback


Le nostre partnership






























Le quotazioni di Mercato sono offerte da Investing.com Italia.



Feed RSS


Le migliori offerte dei prodotti d'elettronica




Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.



BusinessCommunity.it - Supplemento a Guida Computer e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Il magazine ha cadenza settimanale, esce online il mercoledì mattina alle 7. La redazione posta alcune notizie quotidianamente, senza alcuna cadenza fissa.
Inoltre BusinessCommunity.it realizza la miglior rassegna economico finanziaria sul web, aggiornata in tempo reale.


Cercaci:

© 2009-2019 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154