Questo magazine utilizza i cookie. Accedendo ne accetti l'utilizzo. Privacy Policy


Commercio al dettaglio: a marzo -0,6% a volume su mese e +2,9% su anno


Se i consumi arretrano è colpa della Pasqua, che è caduta nel mese sbagliato. Questa è la conclusione dell’Istat come spiegazione alla contrazione delle spese delle famiglie. Certo, su base annua l’incremento c’è e per quasi tutte le categorie, ma su base mensile la piccola frenata va rilevata, peraltro in linea con il resto d’Europa. L’Istat ha comunicato che a marzo 2018 si stima che le vendite al dettaglio diminuiscano, rispetto al mese precedente, dello 0,2% in valore e dello 0,6% in volume. Le vendite di beni alimentari aumentano dello 0,6% in valore mentre in volume sono sostanzialmente stazionarie (-0,1%); per i beni non alimentari si registra una diminuzione sia in valore sia in volume (rispettivamente -0,7% e -0,8%). L’incremento su base annua del 7,5% a valore registrato a marzo 2018 per le vendite di beni alimentari risente in misura rilevante dell’effetto della Pasqua. Poiché nel 2018 la Pasqua è caduta il 1° aprile e nel 2017 il 16 aprile, i maggiori acquisti di beni alimentari, tradizionalmente legati alle festività pasquali, quest’anno si sono concentrati a marzo, mentre nel 2017 hanno avuto luogo ad aprile. La stima della variazione corretta per gli effetti di calendario (+2,0%) conferma la rilevanza di questo fenomeno. L’influenza positiva ha riguardato, in particolare, la dinamica tendenziale delle vendite della grande distribuzione (+7,0%), nella quale si concentra una larga parte della commercializzazione di beni alimentari (+10%). Nel primo trimestre del 2018, l’indice totale delle vendite registra un calo congiunturale dello 0,3%, sia in valore sia in volume. Nello stesso periodo le vendite di beni alimentari aumentano dello 0,5% in valore e in volume, mentre quelle di beni non alimentari diminuiscono dello 0,9% in valore e dello 0,8% in volume. Su base annua, le vendite al dettaglio registrano un aumento del 2,9% in valore e in volume. Le vendite di beni alimentari registrano un rilevante aumento, pari al 7,5% in valore e al 6,8% in volume, mentre quelle di beni non alimentari diminuiscono dello 0,8% in valore e dell’1,0% in volume. Per quanto riguarda le vendite di beni non alimentari, gli incrementi maggiori su base annua riguardano gli Elettrodomestici (+4,5%), gli Altri prodotti (+3,5%) e i Prodotti di profumeria, cura della persona (+3,4%). In flessione risultano invece gli altri prodotti, con riduzioni più marcate per Utensileria e ferramenta e Calzature (-4,3% per entrambi i gruppi). Sempre a livello tendenziale, il valore delle vendite al dettaglio registra una variazione positiva pari al 7,0% per la grande distribuzione, mentre è in calo per le imprese operanti su piccole superfici (-1,3%). Il commercio elettronico diminuisce dello 0,3%.




Clicca per ingrandire l'immagine



Scritto da Claudio C. Gandolfo il 09 May 2018 10:19







Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community







Trackback


Le nostre partnership














Le quotazioni di Mercato sono offerte da Investing.com Italia.



Feed RSS


Le migliori offerte dei prodotti d'elettronica




Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.



BusinessCommunity.it - Supplemento a Guida Computer e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Il magazine ha cadenza settimanale, esce online il mercoledì mattina alle 7. La redazione posta alcune notizie quotidianamente, senza alcuna cadenza fissa.
Inoltre BusinessCommunity.it realizza la miglior rassegna economico finanziaria sul web, aggiornata in tempo reale.


Cercaci:

© 2009-2018 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154