Confcommercio: a maggio il Misery Index scende a 16,5


Gli indici dell’andamento dell’economia italiana sono positivi e questo si riflette anche sulle rilevazioni che vengono effettuate anche da altri enti che non siano l’Istat. In quest’ottica va visto il Misery Index di confcommercio (MIC) di maggio 2019, che si è attestato su un valore stimato di 16,5, il livello più basso degli ultimi otto anni, in diminuzione di quattro decimi di punto rispetto ad aprile. Il miglioramento dell’indicatore è stato determinato sia dal rallentamento dell’inflazione per i beni e i servizi ad alta frequenza d’acquisto, sia da un miglioramento della disoccupazione. Il progressivo ridimensionamento dell’indicatore, tornato sui livelli della prima parte del 2011, è stato determinato, in questa prima parte dell’anno, oltre che da un’evoluzione più contenuta dei prezzi dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto, anche dai miglioramenti sul versante dell’occupazione. La presenza di un contesto congiunturale sostanzialmente stagnante, i cui effetti potrebbero trasferirsi a breve sul mercato del lavoro, determina molte incertezze sulla possibilità che questo processo prosegua anche nella seconda parte del 2019. A maggio il tasso di disoccupazione ufficiale si è attestato al 9,9%, scendendo per la prima volta da febbraio 2012 al di sotto della doppia cifra. Il dato è sintesi di un significativo aumento, rispetto ad aprile, del numero di occupati (+67mila) e di una diminuzione delle persone in cerca d’occupazione (-51mila). Nel confronto con maggio 2018 si conferma la tendenza positiva, con una variazione di 92mila unità nel numero di persone occupate ed un calo di 192mila disoccupati. A completare il quadro si evidenzia come ad maggio 2019 le ore autorizzate di CIG siano aumentate del 6,5% nel confronto annuo, confermando la tendenza al peggioramento avviata a febbraio. Nei primi cinque dell’anno si rileva un incremento dell’11,4% rispetto allo stesso periodo del 2018. In termini di ore di CIG effettivamente utilizzate destagionalizzate e ricondotte a ULA si rileva, a maggio, sia in termini congiunturali sia su base annua una lieve diminuzione. Dal lato degli scoraggiati a fronte di una sostanziale invarianza in termini congiunturali, su base annua si conferma la tendenza all’aumento. Il combinarsi di queste dinamiche ha portato ad una riduzione del tasso di disoccupazione esteso di due decimi di punto su base mensile, e di sei decimi nel confronto annuo. Nello stesso mese i prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto sono aumentati dell’1,0% su base annua, in rallentamento rispetto all’1,1% di aprile. La figura mostra le due componenti del MIC (in rosso l’inflazione dei beni e servizi ad alta frequenza d’acquisto ed in blu la disoccupazione estesa).



 




Clicca per ingrandire l'immagine



Scritto da Claudio C. Gandolfo il 05 Jul 2019 11:55







Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community







Trackback


Le nostre partnership


















Le quotazioni di Mercato sono offerte da Investing.com Italia.



Feed RSS


Le migliori offerte dei prodotti d'elettronica




Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.


*/?>

BusinessCommunity.it - Supplemento a Guida Computer e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Il magazine ha cadenza settimanale, esce online il mercoledì mattina alle 7. La redazione posta alcune notizie quotidianamente, senza alcuna cadenza fissa.
Inoltre BusinessCommunity.it realizza la miglior rassegna economico finanziaria sul web, aggiornata in tempo reale.


Cercaci:

© 2009-2019 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154