Questo magazine utilizza i cookie. Accedendo ne accetti l'utilizzo. Privacy Policy


FMI: senza riforme l’Italia rischia di perdere ulteriore competitività




Secondo il report sull’Italia del Fondo Monetario Internazionale, l'economia è nel terzo anno di una moderata ripresa. È stato aiutata dalle politiche del governo e dagli sforzi di riforma, eccezionali politiche monetarie accomodanti e prezzi bassi delle materie prime. La disoccupazione e i prestiti non performanti (NPL) sono diminuiti in misura minima rispetto ai picchi della crisi. Il debito pubblico si è stabilizzato, sebbene ad un livello molto alto. Tuttavia, la produttività debole e il basso tasso di investimenti aggregato rimangono le sfide chiave per una crescita più rapida, frenata da debolezze strutturali, da un debito pubblico elevato e dai bilanci delle banche. Nonostante alcuni miglioramenti, ulteriori progressi nella riduzione delle vulnerabilità e la crescita dei redditi reali richiedono sforzi politici rafforzati. Un decennio dopo la crisi finanziaria globale, i redditi effettivi disponibili pro capite rimangono al di sotto dei livelli di adesione pre-euro, mentre l'onere della crisi è caduto in modo sproporzionato sulle generazioni più giovani. La ripresa dovrebbe continuare, ma i rischi per il futuro sono significativi. La crescita è prevista a circa l'1,3% quest'anno. Poiché i venti favorevoli - termini commerciali, politiche fiscali e monetarie - diventeranno meno sostenenti nei prossimi anni, la crescita è proiettata (sulle attuali impostazioni politiche) a salire fino all'1% nel 2018-20. La crescita potrebbe sorprendere al rialzo nel breve termine, anche grazie a una ripresa europea più forte. Tuttavia, i rischi negativi sono significativi, legati tra l'altro alle fragilità finanziarie, alle incertezze politiche, alle eventuali battute d'arresto del processo di riforme e alla rivalutazione del rischio di credito nel corso della normalizzazione della politica monetaria. L'incertezza sulle politiche USA e sui negoziati di Brexit aumentano questi rischi. Con una moderata prospettiva di crescita, il reddito reale pro capite dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi solo fra alcuni anni, e l'Italia si allontanerà ulteriormente dai suoi coinquilini dell'area dell'euro. Le priorità chiave sono quelle di aumentare la crescita, aumentare la resistenza economica e proteggere i soggetti vulnerabili. La sfida globale è quella di aumentare la produttività, che richiede sforzi politici più ambiziosi e sostegno politico ampio e sostenuto. In un contesto economico e politico complesso, le autorità hanno avanzato importanti iniziative di riforma, che sono riuscite a far crescere la ripresa e stabilizzare gli squilibri generali. Ora sono necessarie ulteriori misure per ridurre le lacune della competitività con i partner dell'eurozona, ridurre gli squilibri e aumentare i redditi, anche per quelli che sono rimasti indietro. Il contesto attuale di recupero ciclico e di politica monetaria eccezionale offre una finestra favorevole, anche se in fase si contrazione, per spingere urgentemente le riforme.



 




Clicca per ingrandire l'immagine



Scritto da Claudio C. Gandolfo il 12 Jun 2017 17:21





Iscriviti alla nostra newsletter e resta in contatto con Business Community







Trackback



Le quotazioni di Mercato sono offerte da Investing.com Italia.
Feed RSS









Gli Indici di Borsa Mondiali in tempo reale sono offerti da Investing.com Italia.



BusinessCommunity.it - Supplemento a Guida Computer e t. - Reg. Trib. Milano n. 431 del 19/7/97
Dir. Responsabile Gigi Beltrame - Dir. Editoriale Claudio Gandolfo


Il magazine ha cadenza settimanale, esce online il mercoledì mattina alle 7. La redazione posta alcune notizie quotidianamente, senza alcuna cadenza fissa.
Inoltre BusinessCommunity.it realizza la miglior rassegna economico finanziaria sul web, aggiornata in tempo reale.


Cercaci:

© 2009-2017 BusinessCommunity.it. Tutti i Diritti Riservati. P.I 10498360154